Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Italia ricostruirà il Colosseo Gladiator Stadium con il legno – Notizie

Alcuni luoghi del mondo, come il Colosseo o l’Anfiteatro Flavio a Roma, in Italia, sono intrisi di storia, leggenda e sangue – in altre scene e giochi pubblici – i gladiatori combattevano per la vita e la morte con animali davanti agli altri senatori e dentisti del Impero romano.

Costruito in cemento romano, legno, mattoni, pietra calcarea, marmo e stucco, questo anfiteatro è riconosciuto come una delle sette nuove meraviglie del mondo moderno. Fu aperto nel I secolo e fu utilizzato fino al VI secolo, quando fu utilizzato come teatro per attività di caccia di animali, esecuzioni capitali, restauri di combattimenti e rappresentazioni teatrali di ispirazione mitologica.

Presto, nello stesso decennio, ci sarà un nuovo pavimento in legno nell’arena Millennial Oval di questo iconico edificio che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Il pubblico può trovarsi nello stesso luogo in cui si è svolto il “Gioco del sangue” e dove i gladiatori hanno schierato le loro vite, le cui disgrazie sono state menzionate in innumerevoli film e serie.

È “un altro passo nella ricostruzione dell’arena, un progetto ambizioso che contribuirà alla conservazione e alla conservazione delle strutture archeologiche, ripristinando l’immagine originale del collegium e ripristinando il suo carattere di complessa macchina naturale”, ha affermato il ministro della Cultura di Italia Tario Francini.

Il politico ha rilasciato le dichiarazioni dopo la gara per la progettazione e realizzazione della nuova sede dell’Arena dell’Anfiteatro, che sarà gestita da società ufficiali. Parco Archeologico del Collegium e Invito.

I costruttori saranno un team guidato dall’ufficio Milano Ingegneria Comprende anche Lapix Architecture Studio, l’architetto Fabio Fumagalli e il professor Heinz-Jrgen Peste, che è anche consulente su caratteristiche archeologiche come il Consiglio e le istituzioni Chroma.

READ  Eroi a 30 anni: il duo colombiano guida la sensazionale squadra italiana - 20/06/2021

L’iniziativa è iniziata nel novembre 2014, quando il ministro ha ripreso l’idea di far rientrare nel suo collegio teatrale l’archeologo Daniel Mancorda. Secondo il Ministero della Cultura italiano, il progetto si è concluso con la definizione del progetto.

Il nuovo stadio dell’Anfiteatro Flavio sarà leggero, reversibile e stabile, come previsto dal Documento Guida al Progetto (DIP) predisposto dagli architetti, archeologi, restauratori e architetti del Parco Archeologico del Colosseo.

Inizia ora la fase operativa del progetto, che, utilizzando tecniche costruttive innovative, materiali appropriati e raffinati metodi di analisi, consentirà di ripristinare l’immagine originaria del monumento e consentirà il suo funzionamento come una complessa macchina naturale, rafforzandone la sicurezza e l’incolumità. Secondo il Ministero italiano, soprattutto le sue strutture sotterranee.

Legno speciale in pietre antiche

Il sito è realizzato in fibra di carbonio e agoya, che è costituita da coni e sostituiti con un trattamento chimico chiamato legno e acetilazione per ambienti esterni, che ne migliora la durabilità, la stabilità dimensionale e la resistenza a sale, insetti, funghi e radiazioni UV, pur mantenendo la aspetto e cinetica del legno naturale.

Questo albero proviene esclusivamente da foreste certificate, mantenute da un rimboschimento sostenibile, dove è pianificata l’estrazione di alberi, tenendo conto del rimboschimento.

Alcune parti del futuro sito saranno realizzate con pannelli o doghe mobili, alcune saranno curve, altre saranno rettilinee, grazie ai loro movimenti rotatori e traslatori, garantendo la flessibilità della superficie lignea e consentendo alle strutture interrate di aprirsi o fondazione è, quindi, a volte visibile e ariosa, sono naturali Rivelano la luce e gli occhi dei turisti.

Il governo italiano ha affermato che il progetto proteggerà le strutture dagli agenti atmosferici, ridurrà il carico d’acqua attraverso un sistema di raccolta e recupero della pioggia che alimenterà i bagni pubblici del monumento.

READ  Carlos Puigdemont è stato arrestato in Italia

L’arena restaurata avrà 24 unità di ventilazione meccanica distribuite lungo il suo perimetro, che controlleranno la temperatura e l’umidità delle camere sotterranee. Garantiranno inoltre che un completo cambiamento del volume d’aria dell’intero spazio sotterraneo avvenga in soli 30 minuti, quando il nuovo sito sarà completamente coperto.

“L’intervento architettonico e ingegneristico consentirà al pubblico di avere un’interpretazione complessiva del collegium romano in modo che l’uso e la funzione originale di questo monumento e icona archeologica possano essere pienamente compresi dal mondo antico e lo status quo ivi portato attraverso alte espressioni culturali “, ha informato l’Ufficio di Ingegneria incaricato dei lavori.

Il progetto per ripristinare l’arena di 3.357 metri quadrati, larga 86 per 54 metri, porterà a un restauro completo del più grande anfiteatro del mondo antico, che si stima sia stato utilizzato in tempi antichi. Aveva una capacità di 87.000 spettatori “, hanno spiegato gli ingegneri.

“Il nuovo sito sarà posizionato all’altezza in cui si trovava all’epoca e assumerà la struttura originale dell’edificio. Senza ancoraggi della piattaforma o alcun impatto aggressivo, le strutture sulla piattaforma saranno supportate dalle pareti esistenti e saranno completamente ristrutturato”, ha detto l’ufficio.

“Il sito della nuova arena migliorerà la protezione e la conservazione delle strutture archeologiche situate nell’ipocrisia (la struttura sotterranea dell’anfiteatro) e ricreerà l’aspetto originale del monumento”, afferma.

“Aggiungerà al collegio una nuova funzione di armonia con l’innumerevole valore archeologico, architettonico e sociale di questo edificio”, concludono i responsabili dei lavori.