Settembre 27, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Una giornalista della CNN di Kabul in abaya nera: ‘Ho dovuto dimettermi perché sono una donna’ | Afghanistan nelle mani dei talebani

Anche per i giornalisti di Kabul il passaggio è molto rapido. La giornalista della CNN Clarissa Ward è apparsa oggi per la prima volta alla telecamera indossando un abaya nero (un tipo di abito indossato sopra altri vestiti; editore) e un velo che le copre l’intera testa dai capelli. Anche senza un impegno esplicito, le leggi talebane sono già in vigore per le strade e, in fase di decisione, è stato chiesto anche a Ward di farsi da parte: come donna, era molto vicina a un gruppo di uomini.


SVM


Ultimo aggiornamento:
21:37


Fonte:
Notizie VTM




“Questo è il primo giorno di reportage da quello che ora è chiamato l’Emirato Islamico. Puoi vedere che molto è cambiato, a partire dal mio codice di abbigliamento”, ha testimoniato Ward. Durante il suo tour della città, ora incontra combattenti talebani ovunque. “Ecco un’immagine che onestamente non pensavo di vedere: circa 20 combattenti talebani proprio dietro di noi sul terreno dell’ambasciata degli Stati Uniti”.

Alcuni combattenti portano armi americane. Assicurano ai giornalisti che vogliono solo il ripristino della pace. “Tutto è sotto controllo, andrà tutto bene. Nessuno dovrebbe preoccuparsi”, sembrava.

“morte all ‘America”

Ma l’odio per l’America è ancora molto forte. Cantano “Death to America”, ma allo stesso tempo suonano amichevoli. ha detto Ward.


I talebani non hanno dichiarato che gli uomini dovrebbero farsi crescere la barba o che le donne dovrebbero essere velate. Tuttavia, molti residenti temono che sia solo questione di tempo prima che l’Etiquette Squad diventi attiva. Per questo sono già più attenti per precauzione. Molte donne hanno persino deciso di restare a casa oggi.

“Siamo stanchi della guerra continua”

La presenza di Ward ha subito causato tensione nel palazzo presidenziale, occupato anche da combattenti talebani. “Mi hanno appena detto di dimettermi perché sono una donna”, ha detto costernata.

Gli abitanti di Kabul non riescono a credere che la loro città sia caduta così in fretta. Come sarebbero esattamente le loro vite sotto i talebani non è ancora chiaro. “Vogliamo la pace, siamo stanchi di questa guerra continua”, ha testimoniato uno. “Non posso nemmeno prevedere cosa accadrà nei prossimi secondi, quindi non posso dire nulla di ragionevole sul futuro”.

Notizie VTM

© Notizie VTM

Leggi anche: colloquio. Un soldato belga in missione in Afghanistan: “È andato tutto inutilmente?” (+)