Ottobre 20, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Le regioni polacche “gay-free” ritirano la controversa decisione dopo che l’Europa ha mostrato i denti

Qual è l’oggetto della zona libera da LGBT?

In Polonia, circa un centinaio di regioni si sono dichiarate libere dall’influenza della comunità LGBT due anni fa. LGBT sta per Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender. Le aree che inizialmente hanno firmato la dichiarazione sono principalmente aree cattoliche conservatrici. La Commissione europea ritiene che si tratti di una discriminazione e ha quindi minacciato sanzioni.

L’anno scorso, nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è fortemente opposta alle misure polacche. “Le zone gay-free sono zone senza persone”, ha detto il presidente dell’Ue, senza menzionare i polacchi. “E non hanno posto nella nostra unione.”

Cosa sta succedendo adesso in Polonia?

Esattamente un anno dopo che von der Leyen ha bandito le regioni, stanno tutti scegliendo i bianchi per i loro soldi. Sebbene il governo di Varsavia abbia resistito alle pressioni dell’Europa, lunedì tre regioni hanno deciso di ritirare le risoluzioni anti-Lgbt. Cracovia, Rysov e Lublino si uniscono a Święty Krzyż come hanno fatto giovedì scorso perché l’Unione europea ha minacciato di tagliare i sussidi. I funzionari locali hanno precedentemente parlato di “una spregevole ideologia LGBT”.

Ora c’è solo una provincia, tra le cinque che hanno avvertito l’Europa per iscritto all’inizio di questo mese, che dovrebbe prendere le distanze dal dichiarare la zona libera da LGBT. Le cinque regioni rischiavano di perdere complessivamente 126 milioni di euro in aiuti europei se non fossero stati tagliati.

Come sta rispondendo la politica polacca?

Il ministro della Giustizia polacco Zbigniew Sziobro von der Leyen ha accusato di estorsione. “Vogliono violare la democrazia polacca prendendo da noi ingenti somme di denaro dell’UE”, ha detto il ministro. Ci ricattano per fare cambiamenti nelle nostre vite sociali, culturali ed educative. È un attacco alla democrazia da parte delle élite europee”. Ziobro aveva precedentemente esortato le quattro province a non scendere a compromessi.

Attualmente, il 16,5% del territorio della Polonia è una zona libera da LGBT. “Queste aree non dovrebbero mai esistere in Polonia”, afferma Bart Staszewski, attivista per i diritti umani gay. “Con la nostra storia, dobbiamo aprire la strada all’accettazione delle persone”.

READ  Aspre critiche a un viaggio segreto dei legislatori statunitensi a Kabul | All'estero