Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il fuoco provoca la catastrofe in Italia e Grecia – Internazionale

Gli incendi incontrollati, provocati dalla peggiore ondata di caldo degli ultimi tre decenni, stanno provocando il caos in alcune parti dell’Europa mediterranea, soprattutto in Italia e in Grecia. Ieri, nella dodicesima devastazione consecutiva causata dall’incendio, sono state prelevate 2.000 persone su imbarcazioni provenienti da Evia, la seconda isola greca per grandezza nel Paese a nord di Atene.

Con temperature superiori a 45°C, le fiamme hanno già distrutto cinque villaggi greci e minacciato le case vicine alla periferia di Atene. Siti turistici famosi come l’Acropoli hanno dovuto essere chiusi a causa del caldo e del fumo. “Se qualcuno sospetta che il cambiamento climatico sia reale, venga qui e veda la gravità dell’evento”, ha detto il primo ministro greco Griagos Mitsodakis.

La situazione in Italia, soprattutto in Sicilia e Calabria, è drammatica. Secondo i funzionari italiani, 70 grandi incendi hanno già bruciato l’equivalente di 140.000 campi da calcio, quattro volte più della media tra il 2008 e il 2020. I registri ufficiali mostrano un totale di 12 decessi nei tre paesi: Grecia, Italia e Turchia.

Un enorme incendio sta bruciando anche la Siberia. Ieri, gli esperti dell’organismo di vigilanza ambientale russo Roskitromet hanno affermato che il fumo delle fiamme ha percorso 3.000 chilometri e ha raggiunto il Polo Nord. L’incendio di 34.000 chilometri quadrati nella regione più fredda della Russia, la Yakutia, è già bruciato. 140.000 chilometri quadrati del Paese sono già in fiamme.

Secondo gli scienziati, l’ondata di caldo e il fuoco sono probabilmente collegati al riscaldamento globale. Ieri la Convenzione Onu sui Cambiamenti Climatici Il rapporto del panel ha sottolineato che tali eventi potrebbero verificarsi più frequentemente se il riscaldamento globale non viene fermato.

READ  A Mancini piaceva solo la nazionale italiana con i nativi italiani

Crisi L’Unione europea ha intrapreso la più grande azione contro il fuoco della sua storia. In Grecia, i vigili del fuoco hanno ricevuto rinforzi da 22 paesi. Elicotteri, aerei, quasi 1.300 uomini e 200 veicoli sono stati inviati dai governi di Francia, Cipro, Svezia, Spagna, Croazia, Repubblica Ceca, Serbia e Romania. Durante il fine settimana, anche Germania, Polonia, Austria e Slovacchia si sono offerte di aiutare.

In Evia, più attenzione delle autorità greche con gli anziani. “Mi sento come se piango ogni giorno”, ha detto Nicholas Wallace, un residente dell’isola, dopo aver sfrattato i suoi parenti dalla casa. “La cosa peggiore è che è stato svegliato dalla polizia all’alba e ha dovuto lasciare tutto e scappare”.

L’economia dell’isola, che si basava sulla produzione di vino e resina, era in fiamme. Secondo la stampa greca i danni sarebbero stati incalcolabili. Coloro che sono rimasti a Evia ora stanno contando i danni. “Questo è il più grande disastro nella storia del villaggio”, ha detto uno dei sopravvissuti, Makis Ladojianakis.

Ad Atene, il governo del primo ministro è stato ampiamente criticato per la sua mancanza di organizzazione, assistenza inadeguata e ritardo nella risposta all’incendio. “Chiediamo, ma non ascoltano”, ha detto Giorgos Stamolos, vicesindaco del villaggio di Mandudi in Evia, che conta 2000 abitanti. “In totale, il nostro comune si estende su una superficie di 5.800 ettari e 4.500 sono già stati bruciati. Circa 1.000 case sono state distrutte. Dove metteremo tutte queste persone?”

Diagonale, Primi si è scusato. “Comprendo perfettamente il dolore dei nostri compagni che hanno perso le loro case”, ha detto Mitsodakis, che ha annunciato il pacchetto di aiuti da 500 milioni di dollari (circa 3 miliardi di dollari). “Le carenze saranno identificate e le responsabilità saranno assegnate a chi”. (Con società internazionali)

READ  Papa Francesco incontra Spider-Man dopo una visita pubblica in Italia

Informazioni dal giornale Stato di San Paolo.