Ottobre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Gianni Marchand è stato sul primo volo 16 volte in questa stagione: ‘Devi seguire le onde’ | Ciclismo

Scivolare nel primo volo è una professione in sé. Il nostro connazionale Gianni Marchand ne ha fatto la sua specialità ed è stato all’inizio della giornata almeno 16 volte quest’anno. “Per me, correre è offensivo e non solo correre in gruppo”, afferma Marchand, 31 anni.

Come sta Gianni Marchand?

  • 31 anni
  • di Tarhout
  • Cavaliere Tarteletto-Isorex
  • Ciclista professionista dal 2018
  • Si è classificata terza al Baloise Belgium Tour di quest’anno, dopo Evenepoel e Lampaert

Marchand: “Non mi piace aspettare”

Il suo nome potrebbe non suonare subito il campanello. Ma quando Radio Tour rivela i nomi del primo volo, Gianni Marchand è spesso presente.

Il 31enne corridore Tarteletto-Isorex ha corso oggi almeno 16 volte in questa stagione. In gare minori, ma anche in competizioni televisive come Le Samyn, Baloise Belgium Tour, Tour of Wallonia, Brussels Cycling Classic, Druivenkoers, ecc.

“Non mi piace aspettare. Per me, correre è l’offesa e non solo guidare il gruppo”, dice Marchand.

“I miei compagni di squadra dicono che mi meraviglio della giusta rottura”. Se vogliamo affrontare il lungo viaggio, dobbiamo seguire Marchand”, sento spesso nel gruppo.

La mia tattica è guardare le onde nel branco. Cerco di recuperare il ritardo con l’emergere di una nuova ondata.

Gianni Marchand

Qual è la ricetta segreta di Marchand per scivolare più volte nel lungo viaggio?

“Fin dall’inizio devi essere già in prima fila”, spiega Marchand. “Di solito cerco di sedermi in prima fila”.

“È importante impegnarsi immediatamente nelle ruote. Se ti fai il pieno subito, devi riprenderti e affondare nel gruppo. Poi si blocca. E solo in quel momento può iniziare la corsa anticipata. Può arrivare .”

“La mia tattica è guardare le onde nel branco. Cerco di recuperare quando vedo arrivare una nuova ondata”.

Tutte le gare a cui Marchand ha partecipato nel primo viaggio di quest’anno
02/03 Grasso 80 km all’attacco
04/16 La terza tappa del Valencia Tour 65 km
05/03 La seconda tappa del tour in Ruanda 60 km
05/22 Un tour del Finistere 185 km
06/09 1e tappa Tour Baloise Belgio 172 km
06/30 Kimmel Kors 132 km
07/21 La seconda tappa del tour della Vallonia 96 km
07/08 Corse professionistiche ad Aarschot 110 km
19/08 Gran Premio Lucien van Imbe 140 km
08/20 Gran Premio Marcel Kent 165 km
26/08 Vite a Ofrijes 82 km
28.08 BRUXELLES CICLISMO CLASSICO 130 km
09/01 Premio Città Geraardsbergen 135 km
19/09 Stock gooikse 147 km
21/09 Premio Tessile a Fichte 125 km
26/09 Parigi Chonne 185 km
Totale: 2.009 km

“La foto è incorniciata con Lampaert e Evenepoel”

Come affronta la vita Marchand durante un lungo viaggio? “Bere e mangiare è la cosa più importante.”

“Mi concentro anche sull’essere il più lontano possibile dal vento nel gruppo di testa. Quando sono nella mia testa, cerco di mantenere un ritmo costante e non accelerare improvvisamente”.

“Si tratta di tenere sotto controllo la frequenza cardiaca e di consumare meno energia possibile”.

Come esperto di fuga, Marchand usa una tattica calcolata. “Una volta che la leadership del mio gruppo di leadership rallenta, è meglio che rallenti un po’”.

“Il gruppo di solito adatta la sua velocità al gruppo di testa. Sarebbe stupido accelerare come gruppo di testa, perché poi ti risucchi a vuoto e anche il gruppo corre più veloce”.

A volte un tentativo di fuga ripaga Marchand. Ad esempio, nella tappa di apertura del tour della Basilese Belgio. Marchand è stato in grado di raggiungere Eveningpool, Lambert e Geese come una rottura anticipata. Gli è valso il terzo posto nella classifica di tappa e finale.

“La mia squadra ha fatto incorniciare la foto della passerella con Evenpole e Lambert. Questa grande cornice è ora appesa ordinatamente a casa mia”.

Gianni Marchand (a destra) è arrivato terzo al Baloise Belgium Tour di quest’anno.

“Circa 5.000 km all’attacco del 2017”

Gianni Marchand valuta tutta la sua azione offensiva a fine stagione. “Elenco tutte le partite a cui ho partecipato durante il lungo viaggio”.

“Nel 2017, ad esempio, ho percorso un totale di 4.699 chilometri. Era su un totale di 10.718 chilometri di gara. Quindi ho guidato il 44,2% di tutti i miei chilometri di gara nella linea di fuoco”.

“Fuggire alla Vuelta o al Giro è il sogno per eccellenza”

Come potrebbe Marchand, che si vede spesso nella foto, non fare un passo più in alto?

“Ero in ritardo per brillare. Con i giovani ho unito gli studi agonistici e di gestione sportiva. All’epoca non facevo parte del pool di talenti a cui stavano dando la caccia le squadre professionistiche”.

“Come élite senza contratto, ho iniziato a vincere regolarmente e ho ottenuto molti posti d’onore. È rimasto un sogno diventare un pilota professionista, ma la mia età ha lavorato contro di me. “

“Ora ho 31 anni. Le squadre si chiedono quanti anni ho. Ma fisicamente mi sento al meglio ora”.

Marchand sogna ancora il team ProContinental. “Non solo perché la paga è migliore, ma soprattutto perché posso fare gare migliori”.

“Sono un tipo da scalatore. Le classiche delle Ardenne o le corse a tappe più piccole con salite sono il mio terreno preferito.”

“Essere in fuga al Giro o alla Vuelta è il mio sogno finale. Mi vedo anche come un buon servitore se ne ho la possibilità con il team ProContinental”.

Marchand con il premio combattente al Grand Prix Marcel Kent

READ  Lierse K. sconfigge 10 uomini da Waasland-Beveren per superare Waaslanders a 2 | 1B Pro League 2021/2022