Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Due uomini soccorsi dopo 29 giorni in mare: “Non è così…

Il soggetto della foto sono le Isole Salomone

Il soggetto della foto sono le Isole Salomone © Zoonar.com/Oliver Förstner

Due uomini delle Isole Salomone, Levi Nanjikana e Junior Colony, sono stati persi in una tempesta in mare. Hanno vagato per 29 giorni e alla fine sono stati salvati a 400 chilometri al largo della costa della Papua Nuova Guinea.

Il viaggio è iniziato a Mono Island il 3 settembre. Gli uomini partirono su una piccola barca con alcune arance. Il piano era di navigare a 200 chilometri a sud di Nuru. “Abbiamo già fatto il viaggio una volta, quindi è andato tutto bene”, ha detto Nanjikana al quotidiano britannico. guardiano. Ma il Mare di Salomone può essere insidioso, anche per i marinai esperti.

Dopo alcune ore di navigazione, gli uomini sono rimasti intrappolati in una mareggiata, con forti piogge e forte vento, che ha reso loro difficile continuare a vedere la costa che volevano seguire. “Quando il tempo è cambiato, era brutto. Ma ci siamo spaventati solo quando il GPS si è spento”, ha detto Nanjikana. “Non riuscivamo a vedere la nostra destinazione, quindi abbiamo deciso di spegnere e riaccendere il motore per risparmiare gas”.

La volta successiva sono sopravvissuti con le arance che hanno portato con sé, le noci di cocco che hanno trovato nel mare e l’acqua piovana che hanno potuto raccogliere attraverso un panno. Alla fine sono andati alla deriva per 400 km a nord-ovest e sono stati avvistati da un pescatore al largo della costa della Nuova Britannia in Papua Nuova Guinea. Non sapevamo dove fossimo, ma non pensavamo che saremmo stati in un altro paese”, ha detto Nanjikana. Gli uomini erano così deboli che furono rimossi dalla barca quando raggiunsero Pomeaux il 2 ottobre.

Sono stati portati in un ospedale locale e attualmente stanno con Joe Colello, residente a Pomio. “Stanno con noi e sono molto felici”, ha detto alla Solomon Islands Broadcasting Corporation.

Nanjikana cerca di vedere l’esperienza sotto una luce positiva. “Non avevo idea di cosa stesse succedendo, non c’erano notizie sul Covid. Non vedo l’ora di tornare a casa, ma è stata una grande pausa da tutto”. Il governo è in contatto con gli uomini per riportarli a casa.

READ  I combattenti della resistenza afghana riconquistano tre distretti dai talebani