Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Deceuninck-Quick.Step Quadrifoglio a Hel van Het Norden: “Non ci è permesso fare una cosa e cioè trattare la partita come i belgi ai Mondiali” | 118 Parigi-Roubaix

CiclismoOcchi puntati su Parigi-Roubaix, ma in conferenza stampa Deceuninck-Quick. La mossa – che sarebbe andata all’Inferno del Nord con Kasper Asgreen, Yves Lampaert, Florian Sénéchal e Zdenek Stybar come principali concorrenti all’Inferno del Nord – è stata discussa di nuovo. Patrick Lefevre: “A causa della pressione esterna, i belgi hanno corso come se fossero invincibili”.




Anche dalla Danimarca ci sono state domande sul Mondiale. Tanto per dire quanto l’autodromo di Lovanio abbia ancora risuonato alla vigilia della Parigi-Roubaix. Un giornalista danese ha chiesto a Casper Asgren se le cose erano andate secondo i piani con i danesi, perché nemmeno loro erano andati d’oro. “Sì, non puoi lamentarti del bronzo”, ha detto Asgren.

E i belgi? Il nostro paese amava la maglia iridata di Wout van Aert nel suo paese, ma a causa di un giorno in meno, non era una cosa per il corridore Jumbo-Visma. Jasper Stuyven è sceso sul podio al quarto posto e poi c’era Remco Evenepoel che ha corso su un percorso solido, ma ieri ha detto Ha perso un’occasione per il titolo mondiale servendo l’interesse della squadra.

Lefevere: “Come vogliamo vincere la Roubaix? Comunque, non gareggiando come ha fatto il Belgio in Coppa del Mondo. La pressione dall’esterno li ha fatti andare a testa a testa come se fossero invincibili. Attenzione, non ci fermiamo lontano dalle responsabilità a Roubaix, ma dovremo correre insieme”. In consultazione per ottenere la tredicesima vittoria della squadra in 25 anni”.

Anche Yves Lambert ha ricevuto domande sulla Coppa del Mondo. Riteneva che la tattica belga non fosse ben calibrata? “È sempre facile parlare dopo. Non abbiamo vinto e sembrava sempre che la tattica non fosse giusta. Comunque, abbiamo fatto tutti del nostro meglio. Probabilmente abbiamo lasciato che la stampa ci spingesse a dire che tutto doveva andare a Wout e no un altro. Forse molto è stato ascoltato”.

READ  trasferimento di conversazione. Anversa batte Inter e Milan nella battaglia per il talento del Genk Dumoh | calcio

Lambert: “Vai in finale il più possibile”

Alla faccia dei Mondiali, perché ovviamente non vedevamo l’ora che arrivasse la Parigi-Roubaix. Deceuninck-Quick.Step Verso il nord della Francia con un quadrifoglio. Per Yves Lampaert, vincere l’Helle Classic è un grande sogno. Due anni fa, era sul palco nell’ultima uscita. “Quando guardo le vecchie versioni su Youtube, questo è il percorso che mi fa venire la pelle d’oca. È una corsa leggendaria che vorrei vincere”.

“Qual è il piano? L’incontro tattico non è ancora arrivato, ma spero di arrivare in finale con il maggior numero possibile di ragazzi di questa squadra e poi attaccheremo come sempre. Speriamo che uno di noi arrivi in ​​pista da solo. Spero in questo scenario. Mio figlio nato mi darà le ali? Vorrei che lo facesse, ma se piove rimane a casa. Spinto attraverso la miniserie in “Tutti sono famosi? Non ne ho proprio voglia”.

Yves Lambert.

Yves Lambert. © Foto Notizie

Stybar: “Tornare in carreggiata dopo l’intervento al cuore, questa è la cosa più importante”

Alla Parigi-Roubaix ha sempre fatto bene nella classifica finale nella top ten in una delle sue sette partecipazioni. Con il suo passato di ciclocross può avere un vantaggio in caso di pioggia e buone gambe, si è dimostrato nelle corse su strada per i Campionati del Mondo. Cosa possiamo aspettarci da Zdenek Stybar a Roubaix dopo essere arrivato secondo due volte all’Hell Classic?

“A volte ci penso, sì a quei secondi posti. Ma spero di poter imparare qualcosa. Forse dovrei arrivare da solo, così almeno non posso perdere sprint veloci come Digenkolb o Van Avermaet. Non so se è il mio background di ciclocross. Vantaggio, fondamentalmente saranno buone gambe. Lo spero. Partiamo tutti uguali, quindi non penso di essere il leader schietto. ”

Stybar è particolarmente felice di essere tornato ai suoi livelli pre-intervento al cuore. Dopo Gand-Wevelgem, nei cechi è stata diagnosticata un’aritmia. “Sono tornato al mio vecchio livello. E la Coppa del Mondo lo ha confermato. Ci sono voluti molto tempo e sforzi per tornare al mio precedente livello di forma fisica, ma sono sicuro di essere tornato lì ora”.

Zdenek Staybar.

Zdenek Staybar. © Foto Notizie

Asgreen: “Dopo una settimana di tour ho potuto continuare il mio livello, ora è il momento di ricominciare”

Nei classici acciottolati era probabilmente l’uomo della primavera. Kasper Asgreen ha vinto in modo impressionante l’Harelbeke e il Giro delle Fiandre. “È passato un po’ di tempo, eh. Roubaix ora è in una parte diversa della stagione. Di solito ci vai con la stessa forma del Giro delle Fiandre e c’è solo una settimana in mezzo. Adesso è passato molto tempo. ”

“Si ricomincia. Ho dovuto ricostruire la mia forma. Ai Mondiali stavo ancora male, ma ha poco effetto questa settimana. Sono dove voglio essere. Mi aspetto una nuova lotta con Woot e Matthew? No , ce ne sono altri. Il meteo farà fatica. Quando è bagnato si accelera da fermo in curva. Ci saranno anche cadute, quindi è importante essere sempre al top”.

Casper Asgren.

Casper Asgren. © BELGA

Senchal: “Bisogna anche essere fortunati, soprattutto con le previsioni del tempo”

Poi c’è Florian Senchal. Il francese è nato e cresciuto nella zona di Parigi-Roubaix. Egli stesso descrive la congruenza con la parola “merde”. “Può significare successo in francese, ma anche il contrario. Non vedo l’ora che arrivi la partita. Domenica è stata una giornata davvero pazzesca ai Mondiali, ma questa settimana sarà anche speciale. Ci saranno molti belgi e Francesi lungo la pista, anche in caso di maltempo”.

Sénéchal in ottime condizioni. La Primus Classic ha vinto e in precedenza ha anche vinto una tappa a Volta. “Sarò per la prima volta a Roubaix con le mie gambe migliori? Non ne ho idea. Sarebbe anche particolarmente importante avere un po’ di fortuna e non sarebbe facile con le previsioni del tempo”.

Florian Senchal.

Florian Senchal. © Foto Notizie

Jasper Stoen si libera della sbornia amara del Mondiale: ‘Parigi-Roubaix sta arrivando, questo aiuta’

Lui vive. Van Aert corre sui ciottoli (a volte fangosi) della Parigi-Roubaix durante la ricognizione, e Van der Poel esulta a gran voce