Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Anche una leggera esitazione non ferma Fabio Jacobsen sull’Eurométropole | Tour dell’Eurometropoli 2021

L’Eurométropole è sempre stato un raduno di corridori negli ultimi anni, ma questa volta non è stato così per molto.

Divenne presto chiaro che i sette disertori, insieme ai belgi Kobe Goossens e Julian Mertens, non sarebbero sopravvissuti. Il loro vantaggio ha appena superato i 3 minuti.

È stato l’ex campione del mondo Mads Pedersen a guidare la lunga finale a poco più di 50 km dal traguardo. Il suo attacco ha causato una frattura nel gruppo. Circa 30 passeggeri hanno piazzato corridori come Jacobsen, Christoph, Gaviria e Viviani di fronte all’edificio.

Bohani e Pedersen non si sono sbagliati e hanno ingaggiato i loro uomini. Le squadre senza corridori, come Ineos e Lotto-Soudal, hanno beneficiato del mantenimento del gruppo in testa. Quindi abbiamo avuto una lunga lotta, che è stata risolta a favore del gruppo solo a metà dell’ultimo giro attraverso Tournai.

Deceuninck-Quick Step è tornato in pista in quel modo e The Wolfpack non ha lasciato andare quella preda. Van Lerberge ha messo Jacobsen in una posizione perfetta e Jordi Meuss non è riuscito a scendere dal volante. Jacobsen succede a Piet Allegaert nell’albo d’oro.

Per Fabio Jacobsen, questa è già la sua sesta vittoria della stagione, mentre il suo pesante incidente al Tour Poland 2020 lo ha fatto ritardare e rallentare quest’anno. “In effetti, è già la mia settima vittoria, se conto la maglia dei punti alla Vuelta”, sottolinea l’olandese.

“Penso che sia stata una bella gara da seguire in TV. Quando quel gruppo di 30 persone è partito, avevamo solo due ragazzi con noi. Non era una situazione ideale per noi, ma siamo sempre rimasti calmi”.

READ  segnali di miglioramento? Remco Evenepoel continua nonostante il mal di stomaco | gli sport

“Alla fine, è stato ancora coerente e una squadra mi ha completamente lasciato. Ho dovuto tenere le gambe ferme per un po’ per scegliere tra destra e sinistra, ma è andata davvero bene”.

Per Jacobsen, ogni vittoria è un grande dono, soprattutto quest’anno. “Chi l’avrebbe mai detto un anno fa? Sono grato di poter correre di nuovo. Mi sto divertendo così tanto”.