Ottobre 18, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Q-Fever: “Non ricercare, ma limitare l’allevamento intensivo di bestiame”

Il presidente Caroline Van Kessel di Q-question.
Il presidente Caroline Van Kessel di Q-question.

Q-uestion, la People With Q Fever Foundation, non ha una buona parola per il rapporto RIVM sulla febbre Q e la prima ondata di coronavirus presentato mercoledì. Secondo il rapporto, non vi è alcuna relazione tra le due malattie. “Avrei potuto prevedere questo risultato”, afferma Caroline van Kessel di Q-uestion. “Non dovremmo fare studi, ma dovremmo limitare l’allevamento intensivo. Il tempo è essenziale”.

Foto del profilo di Wim Heesterbeek

Secondo il RIVM, le persone che in precedenza hanno avuto la febbre Q non hanno più probabilità di contrarre il coronavirus, hanno scritto nel loro rapporto.

Durante la prima ondata di corona, sono state osservate molte infezioni nell’area in cui la febbre Q ha colpito duramente in precedenza. Secondo il RIVM, queste persone sono state testate più spesso, in modo che l’infezione sia comparsa più rapidamente. Un altro studio sulla relazione tra scarsa qualità dell’aria e corona è ancora in corso.

aria del Brabante
Van Kessel non crede alla conclusione del rapporto secondo cui i pazienti con febbre Q non avevano più corona di altri. “I malati di febbre Q avevano già avuto un’epidemia di virus. Sono rimasti tutti in casa e non si sono fatti vedere. Sono partito per Terschelling da solo, lontano dall’aria del Brabante”. Cosa sarebbe successo se non l’avessero fatto? Van Kessel sospettava che la situazione sarebbe stata più grave.

La infastidisce che RIVM stia indagando se la febbre Q aumenta il rischio di contrarre il coronavirus. È già noto che un sistema immunitario debole aumenta il rischio di infezione da corona e questo è ciò di cui soffrono tutti i pazienti con febbre Q. “Non aiuta se il RIVM sta solo cercando una relazione causale tra le due malattie. Dovrebbe rendersi conto che il nuovo virus è pericoloso per le persone che hanno già un sistema immunitario compromesso. Diversi studi lo hanno già dimostrato”.

READ  Il premio Nobel per la medicina aiuta a svelare il mistero del dolore - De Groene Amsterdammer

L’elefante nella stanza
Van Kessel non è stato sorpreso dal risultato. “Avevo le mie riserve all’inizio dello studio”, dice. La infastidisce il fatto che il governo stia ancora indagando sull’impatto della qualità dell’aria su Corona, quando dovrebbe già lavorare per ridurre l’allevamento intensivo di bestiame. “Come RIVM, puoi anche dire: ‘Conosciamo i pericoli di una scarsa qualità dell’aria e agiremo. Ora c’è un controllo davanti al palco, ma l’elefante è ancora nella stanza”.

“Cercare di dimostrare la causalità dice davvero: non vogliamo saperlo. È un modo per non dover prendere misure”. E anche se, secondo Q-uestion, non c’è tempo da perdere: “Pensavamo che bastasse dopo la febbre Q, ma ora che tutti sono a conoscenza dell’epidemia, si potrebbe pensare che i Paesi Bassi ridurranno maggiormente il rischio di malattie infettive rapidamente.”

La nostra applicazione!
Hai visto un errore o hai commentato questo articolo? Ci contatti per favore.

In attesa delle impostazioni sulla privacy…