Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Una serata rumorosa in un ristorante olandese che i clienti non vogliono…

© ISOPIX

Gli attivisti a Utrecht, nei Paesi Bassi, lunedì sera, hanno espresso la loro insoddisfazione per la chiusura obbligatoria di un ristorante che non vuole controllare i propri clienti per lo stato del vaccino.

GVFonte: telegrafo

Il proprietario del ristorante ‘Waku Waku’ ha già dichiarato su Facebook per due settimane che non ha intenzione di controllare l’app CoronaCheck per i suoi clienti. Tuttavia, questo è stato recentemente reso obbligatorio dal governo olandese. “Il fatto che il governo stia usando l’industria alimentare per aumentare i tassi di vaccinazione è immorale e sbagliato”, ha scritto Flores Bookers. “Quindi non saremo coinvolti in questo, perché tutti sono i benvenuti con noi indipendentemente dall’origine, dalla religione, dall’orientamento sessuale o dalle condizioni mediche”.

Anche dopo i colloqui con il governo municipale, l’uomo ha mantenuto il suo posto e sabato la polizia ha confermato che i clienti nel suo ristorante non devono mostrare una carta Corona. Ecco perché lunedì il sindaco Sharon Dijksma ha deciso che il ristorante dovrebbe chiudere i battenti.

Tuttavia, Bookers ha aperto il suo ristorante lunedì. Decine di simpatizzanti sono accorsi sul posto per sedersi e armarsi davanti all’edificio del ristorante, per fermare un’eventuale evacuazione. Gli stessi manifestanti lo hanno definito un “lavoro d’amore”, ma secondo il comune c’è stato un “tono di intimidazione nei confronti delle forze dell’ordine presenti”. Sebbene la polizia abbia parlato brevemente con gli attivisti, hanno lasciato la scena. Non c’è stato sfratto: alle 23:00, Bookers ha chiuso la propria attività da sola.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che si desidera scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Non è chiaro se i Bakers vogliano riaprire la loro azienda martedì. Un certo numero di attivisti aveva annunciato lunedì sera di volersi muovere di nuovo in solidarietà con loro. Tuttavia, secondo il comune, la chiusura del ristorante è ormai un “fatto”, e si verificherà se il caso è ancora chiuso.

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© ISOPIX

© EPA-EFE

READ  Il ministro Beck pubblicherà rapporti di ispezione nei centri di assistenza residenziale | interni