Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Un dipendente dell’OMS inviato a Wuhan racconta come la Cina gli abbia impedito di lavorare; Intanto Pechino continua ad isolarsi

Alla fine della settimana, le relazioni tra la Cina e l’Organizzazione mondiale della sanità, che è ancora alla ricerca dell’origine del virus Corona, si sono deteriorate. Lontana è la clemenza che l’agenzia Onu mostra a Pechino da un anno e mezzo.

Il mese scorso, il capo dell’OMS Adhanom Ghebreyesus ha iniziato a cambiare atteggiamento nei confronti della Cina. Molto tempo dopo aver respinto l’ipotesi che il coronavirus sia trapelato da un laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan, lui e i suoi colleghi hanno improvvisamente ammesso che tali incidenti “accadono” e sono “comuni”.

Poi l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto alla Cina se poteva condurre una seconda missione sul suo suolo. Pechino era fermamente contraria.

E negli ultimi giorni le tensioni tra l’agenzia e la Cina sono aumentate ancora di più.

“Non ci sono pipistrelli a Wuhan”

In un documentario trasmesso giovedì su Canale 2 danese, un ricercatore dell’OMS che si è recato a Wuhan all’inizio di quest’anno ha raccontato la sua storia. Ha dichiarato che c’era molta pressione sulla sua squadra. Secondo lui, la principale preoccupazione dei funzionari cinesi è cosa farà l’Organizzazione mondiale della sanità nel suo rapporto finale con l’ipotesi di un incidente di laboratorio.

All’inizio volevano Niente sul laboratorio (nel rapporto), perché (Insieme a) Non la penso così (incidenteEra possibile, quindi non pensavano fosse necessario perderci tempoha detto Peter Ben Mubarak. “Abbiamo insistito per includerlo perché fa parte dell’intera questione sull’origine del virus”.

Lo scienziato danese spiega che il suo team è stato in grado di persuadere i cinesi a sollevare la possibilità, “a condizione che non raccomandino (ulteriori studi) per ulteriori indagini su questo argomento”.

READ  Da una prospettiva virale, non ti rilasserai ora

Alla fine, gli esperti dell’OMS hanno concluso nel loro rapporto che questa ipotesi era “la meno probabile”. L’hanno classificato quarto e ultimo, e lo scenario più probabile era la contaminazione da un animale vicino all’uomo.

La televisione danese, Ben Mubarak, ha espresso una teoria in cui il processo di trasporto di animali e fuga dal laboratorio è misto. Ha detto che non ci sono pipistrelli selvatici nell’area di Wuhan. Secondo lui, il paziente 0 potrebbe essere un dipendente dell’Istituto di virologia di Wuhan che ha avuto contatti con un pipistrello portatore del virus durante la sua ricerca.

Tuttavia, lo scienziato danese ha affermato che si trattava solo di un’ipotesi – che considerava “possibile” – da non verificare perché la sua squadra “non aveva mai avuto modo di fare riferimento ai documenti”. “Abbiamo fatto una presentazione e poi abbiamo potuto parlare e fare le domande che volevamo fare, e basta”, ha detto.

“Non un esercizio di punteggio politico”

In concomitanza con la trasmissione di questa intervista, l’Organizzazione mondiale della sanità ha ribadito la richiesta fatta alla Cina poche settimane fa. In particolare, ha affermato di aver bisogno di “tutti i dati” sul Covid per indagare sull’ipotesi di una fuga di dati in laboratorio.

A tal fine, ha invitato tutti i governi del mondo a lavorare insieme per accelerare le indagini sulle origini del Covid “nello spirito di partenariato” e ha chiesto che la situazione sia “depoliticizzata”. In particolare, ha citato la Cina e l’ha esortata a consegnare i suoi dati iniziali sui primi casi di coronavirus, che ha definito “vitali”.

L’Organizzazione mondiale della sanità ribadisce che la ricerca sull’origine del virus SARS-2 non è un esercizio per incolpare o ottenere punti politici, e non dovrebbe esserlo. Per affrontare l'”ipotesi di laboratorio”, è importante accedere a tutti i dati, tenere conto delle migliori pratiche scientifiche e considerare i meccanismi già in atto dall’Organizzazione mondiale della sanità, ha affermato in una nota.

READ  Il nuovo sistema CRISPR-Cas taglia l'RNA virale

dichiarazione provocatoria

Come previsto, venerdì la Cina ha reagito negativamente. Il rapporto afferma che si è rifiutata di “seguire la politica” ma ha sostenuto la cooperazione scientifica Tempi globali. Il viceministro degli Esteri Ma Zhaoxu ha affermato che la Cina, da parte sua, continuerà a condurre “ulteriori follow-up e indagini” sulle origini di Covid-19, come indicato nel rapporto congiunto dell’OMS.

“I risultati e le raccomandazioni del rapporto congiunto Oms-Cina sono stati riconosciuti dalla comunità internazionale e dalla comunità scientifica”, ha affermato Ma. Questa è un’affermazione un po’ provocatoria, con molti esperti occidentali che mettono in dubbio la credibilità del rapporto. Credono che la Cina li abbia influenzati molto. Questa impressione è stata confermata da Ben Mubarak, uno dei principali azionisti di questa settimana.

Quasi due anni dopo la comparsa dei primi casi di coronavirus in Cina, il Paese sembra lavorare per risollevarsi. Appare determinato a impedire ulteriori ricerche nel suo campo e quindi a tentare di fare del percorso di trasmissione da animale a uomo (senza alcun contatto con l’istituto) la soluzione definitiva a livello internazionale. Mentre fanno credere ai loro concittadini, con false notizie inverosimili, che il coronavirus possa essere nato negli… Stati Uniti.

(libbra)

Leggi anche: