Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Talebani alla ricerca di personale statunitense e della NATO, gli Stati Uniti hanno evacuato più di 2.000 persone da Kabul nelle ultime 24 ore | Afghanistan nelle mani dei talebani

Pochi giorni dopo aver preso il potere, il movimento radicale talebano islamista in Afghanistan sta intensificando la ricerca di afgani che avrebbero collaborato con gli americani o con le forze della NATO. Hanno anche perquisito una folla di afgani all’aeroporto della capitale, Kabul. Tuttavia, l’esercito americano è riuscito a evacuare più di 2.000 persone dall’Afghanistan attraverso l’aeroporto di Kabul nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato giovedì il maggiore generale Hank Taylor in una conferenza stampa tenuta dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.




I talebani stanno minacciando di uccidere o arrestare i parenti degli afghani che avrebbero collaborato con gli americani o le forze della NATO se non riescono a trovarli, ha riferito il New York Times, citando un documento riservato delle Nazioni Unite. Le conclusioni contraddicono le promesse dei fondamentalisti di non vendicarsi contro membri e sostenitori del governo caduto appoggiato dall’Occidente. Il giornale ha affermato che il rapporto solleva crescenti dubbi su questa promessa e indica che i talebani potrebbero effettivamente impegnarsi in omicidi per vendetta, come hanno fatto quando hanno conquistato l’Afghanistan più di 20 anni fa.

Secondo il documento, ci sono diversi rapporti secondo cui i talebani hanno una lista di persone che vogliono interrogare e punire. L’elenco include anche i luoghi in cui si dice che si trovino le persone ricercate. Particolarmente a rischio sono l’esercito e la polizia afghani, così come le persone che lavoravano nelle unità di intelligence del governo deposto.

I talebani vanno di porta in porta. I parenti degli obiettivi vengono arrestati, uccisi o arrestati a meno che i collaboratori ricercati non si arrendano.

NATO

READ  La Nuova Zelanda manterrà le frontiere chiuse fino al prossimo anno | all'estero

I ministri degli esteri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) discuteranno della situazione in Afghanistan a partire dalle 14 di venerdì. L’obiettivo è armonizzare i violini e creare un’azione più comune, secondo il segretario generale Jens Stoltenberg.

Martedì, Stoltenberg ha affermato che l’obiettivo della coalizione era che il suo personale potesse lasciare l’Afghanistan in sicurezza. Ciò significa non solo persone provenienti da Stati membri della NATO e paesi partner, ma anche afgani che hanno aiutato la NATO negli ultimi anni. Si stima che circa 800 civili stiano ancora lavorando per la NATO, direttamente o indirettamente, all’aeroporto di Kabul.

evacuazione

Dall’inizio della missione, il 14 agosto, gli Stati Uniti hanno già allontanato dal Paese un totale di circa 7.000 persone. Dai primi voli di evacuazione, alla fine del mese scorso, hanno preso parte 12.000 persone. Includono cittadini statunitensi, membri dell’ambasciata statunitense e afgani che hanno lavorato per gli Stati Uniti come interpreti per l’esercito americano, per esempio.

“Stiamo facendo tutto il possibile per evacuare il maggior numero di persone nel modo più rapido e sicuro possibile”, ha affermato Taylor, sottolineando che si trattava di un’operazione di “importanza nazionale”.

Inizia così l’Operazione Aquilone Rosso in Afghanistan: “Continueremo a volare finché tutti non saranno con noi”(+)

Riusciranno i nostri cittadini a fuggire dai talebani? Ai loro occhi, io sono il nemico.(+)