Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Scelti i 50 migliori ristoranti del mondo di oggi: i migliori chef di tutto il mondo si riuniscono ad Anversa

Il martedì Anversa è la capitale gastronomica del mondo. Questo ha a che fare con la presentazione dei World’s 50 Best Restaurants per il 2021. I migliori chef di tutto il mondo si recano a Schelda per vedere chi diventa il numero uno. Perché cercare un posto in questa lista di 50 ristoranti?

Lunedì ben 58 stelle Michelin si sono sedute a pranzo al The Jane. Ci sono molti chef internazionali nel nostro paese da pochi giorni e sono molto felici di visitare i loro colleghi. “Qualcuno ha ancora fame?” rideva di lui. Il giorno prima, il gruppo ha cenato da Hertog Jan e Hof van Cleve.

È chiaramente una riunione felice per molti. Ogni chef sottolinea che il motivo per cui vengono ad Anversa è per vedersi. Tim Rau dell’omonimo ristorante di Berlino ha concluso 40esimo l’ultima volta: “Anche se dovessi venire ad Anversa in bicicletta, sarei comunque felice di farlo. Sono molto felice di essere qui con i miei amici. Impariamo gli uni dagli altri e ispirarsi a vicenda”. Anna Roche di Hesa ​​Franco in Slovenia (2017 Best Female Chef in the World e l’ultima volta a 38 anni) sottolinea l’importanza della comunità.

Ci sono molte discussioni tra gli chef sull’arrangiamento? Virgilio Martinez del Central in Perù è arrivato sesto nel 2019: “Ci stiamo prendendo in giro per questo. Ma allo stesso tempo, vogliamo evitare questa sensazione di competizione, quindi parliamo principalmente di ciò che ci sta a cuore: la cucina, le squadre , i limiti di Corona. La posizione in lista L’anno prossimo cambierà comunque”.

READ  Sophia Bush spiega perché non vuole parlare di Chad Michael Murray: "Non vale il mio tempo" | Gente famosa

Chi pensano che vincerà? Björn Frantzén di Frantzén a Stoccolma è stato il numero 21 l’ultima volta, sperando in qualcuno dalla Scandinavia e puntando al Noma. Anna Ross pensa anche a un vincitore scandinavo, proprio come Tim Rao, che pensa che sarebbe tra Noma e Frantzen.

Che tu finisca in questa lista significa molto. Tim Rao: “È come festeggiare il tuo compleanno, Pasqua e Natale allo stesso tempo, e questo è 10 volte di più. Molti di noi sono lavoratori autonomi e gestiscono le proprie attività. Chi è in cima sa che la sua attività è al completo per un tutto l’anno. È come una medaglia d’oro.” . Anna Roche: “Non solo ricevi molte prenotazioni, ma c’è anche un pubblico di alta qualità”. Laddove Virgilio Martinez riceveva circa la metà dei visitatori da tutto il mondo, quel pubblico internazionale è ora cresciuto fino all’80%.

Oltre ai primi 50 al mondo, ci sono anche gli ispettori Michelin, per citare una sola guida. A Bjorn Franzen piace la prova: “Niente è come Michelin”. Ma in Perù, ad esempio, non esiste ancora una guida Michelin. Tim Rowe pensa che la Michelin sia molto tradizionale: “Ti classificano da uno a tre, e questo è tutto. Michelin si rivolge ai visitatori dei ristoranti di età compresa tra 45 e 80 anni, mentre The 50 Best si rivolge a persone tra i 20 e i 50 anni. Cultura per loro è più che visitare un museo o visitare Picasso. Volano ovunque nel mondo. Eppure stanno ancora lavorando sulla sostenibilità, ricercando ingredienti locali e sono alla ricerca di esperienze uniche”.

mille voti

“L’elenco dei 50 migliori al mondo non è stato compilato da un solo critico di un giornale locale o da cinque ispettori Michelin”, afferma Rao. Possono votare più di mille persone in tutto il mondo.

Nonostante questo approccio democratico, ci sono critiche occasionali. Ad esempio, l’ultima volta solo quattro donne sono arrivate nella top 50. Molti vincitori si trovano anche nelle principali città del mondo in Europa o negli Stati Uniti. “Penso che la lista sia molto completa. La metà degli elettori sono donne. Ma questo mondo è molto maschile e dipende dal tipo di lavoro”, difende Anna Roche, una delle quattro donne della lista.

È anche più facile guadagnare punti per chi ha un ristorante in una grande città. È d’accordo: “Dipende da quanti elettori ti visitano. Solo lavorando sodo puoi convincerli a salire su un aereo o un’auto per te”. Martinez del Perù è d’accordo, ma vede anche dei vantaggi: “A Londra o in Francia vorrei non hanno l’esclusività delle montagne delle Ande o dell’Amazzonia.”

Nessuno meglio del vincitore precedente può dire cosa significhi il posto più alto. Mauro Colagreco del Mirazur di Mentone ha ricevuto una terza stella nel febbraio 2019, per poi essere nominato il miglior ristorante del mondo pochi mesi dopo. “È difficile dire cosa sia meglio”, dice. “Sono stati due grandi momenti. Ma ovviamente ci sono molti ristoranti a tre stelle e non ci sono molti ristoranti numero uno al mondo”.

Ma soprattutto gli ha dato voce: “Sei ascoltato. Non puoi più solo pubblicizzare nulla, perché rappresenti il ​​mondo della gastronomia”. Colagreco ha usato il palcoscenico nella sua lotta contro la plastica. Mirazur è diventato il primo ristorante al mondo ad essere certificato come plastic-free e più di 400 altri ristoranti vogliono seguire l’esempio, afferma.

L’effetto sulle prenotazioni è, ovviamente, enorme. “In 24 ore sono state ricevute 10.000 prenotazioni, per un totale di 40.000 posti per preparare i posti. Ora abbiamo una lista d’attesa per sempre”, ha affermato Colagreco.