Ottobre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Quattro uomini della stessa famiglia sono morti in uno strano incidente a…

© Shutterstock

Quattro uomini della stessa famiglia sono morti in uno strano incidente nel villaggio italiano di Paolo, nella provincia meridionale di Cosenza. I quattro morirono in rapida successione nella loro cantina.

Fonte: telegrafo

La famiglia si era riunita sabato scorso per portare il vino fatto in casa nelle botti in modo da poterlo bere tutto l’anno. Ma la cosa che avrebbe dovuto portare al divertimento è finita in un dramma. Poiché gli uomini hanno inalato gas tossici dalla canna, le cose sono andate completamente storte.

ribaltare

Uno degli uomini entrò in cantina per mescolare il vino. È caduto nel serbatoio, dopo di che i suoi parenti hanno cercato di tirarlo fuori. Quando gli altri uomini sono entrati nel bunker, sono subito caduti a terra. Morirono tutti in rapida successione. Gli uomini non hanno potuto degustare il vino fatto in casa. Le vittime sono Valerio Scuvano (50), suo fratello Giacomo (70), suo cognato Santino Carneval (70) e il figlio di Carneval: Massimo (40).

La nuora di 36 anni è sopravvissuta all’incidente. Secondo il rapporto della polizia, è svenuta all’ingresso del seminterrato. Un vicino ha rianimato la donna e l’ha portata in un ospedale locale.

poco ossigeno

Il rapporto della polizia ha mostrato che il padre, il figlio ei fratelli sono morti a causa di una ventilazione insufficiente. Il pm Pierpaolo Bruni afferma che la stanza non era sufficientemente ventilata per la grande quantità di anidride carbonica rilasciata durante il processo di fermentazione. Non è ancora chiaro chi abbia perso conoscenza per primo.

Durante il processo di fermentazione del vino vengono rilasciati fumi di anidride carbonica. Se questa concentrazione è troppo alta, risulterà in una camera con ossigeno insufficiente. Di conseguenza, le persone che non avevano sintomi precedenti potevano svenire entro un minuto. Poco dopo, possono verificarsi danni al cervello e potresti morire dopo pochi minuti, a meno che non venga eseguita immediatamente la RCP.

READ  Persone schiacciate all'aeroporto di Kabul: "Oggi caos dal primo minuto"