Settembre 27, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

“Quando capiranno tutti che sono un chiaroveggente?”

Questo autunno, Tim Vanamel può finalmente uscire con lui “APPLZ ≠ APPLZ” (★★★★), registra il milionario dell’acciaio caduto tra le pieghe nel marzo 2020 a causa di questo temuto virus. Puoi anche vederlo in azione in luoghi selezionati nel prossimo periodo attraverso il suo progetto solista Comité Hypnotisé. Ci assicura che sono imminenti anche una serie di rappresentazioni teatrali.

Spettacoli teatrali, Tim?

Tim Vanhamel: “Sì. Negli ultimi mesi ho fatto musica per esibirmi Orestia Da Het Paleis, con Sjoerd Bruil. Saremo sugli scaffali con questo fino al 2022. Penso di avere otto giorni liberi per i prossimi tre mesi. Questa è una buona cosa, ma è troppo in una volta”.

Con The Millionaire che hai presentato al Werchter Parklife a luglio e al Boomtown di Gand ad agosto: come hai vissuto il tuo ritorno sul palco del festival?

“Contrariamente alle mie aspettative – con la posizione completamente seduta – mi è piaciuto molto Werchter Parklife. Il terreno sembrava impressionante, e alla fine del nostro gruppo il cielo stava iniziando ad addensarsi e il vento soffiava: un’atmosfera speciale! Boomtown era speciale perché per la prima volta da molto tempo ho visto persone in piedi vicine alcune. Ma devo ammettere: sul palco sono interessato principalmente alla musica e alle prestazioni, e non a ciò che sta accadendo davanti a me. Questa è una sfocato folle.”

La crisi di Corona ha rotto il milionario l’anno scorso. Senti che il pubblico APPLZ APPLZ aver dimenticato?

“Penso che il problema sia che ho già dimenticato io stesso questa registrazione. (Ride) Certo che lo era il problema: Sei pronto per trasmettere la tua musica alle persone – molte canzoni stanno suonando APPLZ APPLZ È stato scritto per scorrere fino in fondo – e poi all’improvviso devi rimanere dentro. Ho cominciato a preoccuparmi: oh cielo, e se il buco nero avesse ingoiato questo tronco per sempre? Ma quella sensazione è svanita. Al giorno d’oggi possiamo anche suonare senza fare un nuovo disco, credo”.

Il tenore delle nuove canzoni era terribile. Anche i “giorni strani” prefiguravano un’epidemia. Sei consapevole del tuo futuro lato come cantautore?

(sul serio) Sì davvero. Non sto parlando qui: lo sapevo e basta. Quando “Cornucopia” – una ballata non convenzionale e socialmente critica sulla falsariga di Curtis Mayfield – fu completata – Ho pensato in un primo momento: scusami, è meglio che mi guardi, non voglio essere chiamato un vecchio lamento. Ma nella canzone successiva che ha scritto, “Strange Days”, quella stessa ansia si è insinuata in merda Dove finisce l’umanità. Poi ho deciso: no, non mi tacerò.

“A proposito, la maggior parte delle persone non ascolta comunque i testi.”

I giornalisti lo fanno.

Ovviamente ho ricevuto domande sui testi nelle interviste, ma la melodia era ancora rassicurante: “Sì, Tim, hai ragione, ma la prossima domanda è adesso”. Anche dopo una settimana abbiamo vissuto in un nuovo mondo. Improvvisamente ho ricevuto commenti completamente diversi: (con dialetto di Anversa) “Amy, hanno scritto una canzone sull’epidemia, è davvero necessario?” (Ride) Quando finalmente capiranno che siamo in gravi difficoltà e che io sono un chiaroveggente? ”

A settembre è Fuori dal gregge di Simian, la prima apparizione del milionario, all’età di vent’anni. Come ricordi quel periodo?

“Avevo 17 anni quando ho fatto irruzione. Ho giocato a Evil Superstars, in DEUS, avevo una ragazza che girava anche il mondo (Top Model Hannelore Knuts, editore) E sono riuscito a stabilire un record con il mio gruppo: un sogno tanto atteso che si è avverato. È stato tutto fantastico, ma ora amo di più la vita. Quando sei giovane, sei anche pieno di insicurezze e delusioni. Non sono necessari a nulla, ma puoi liberartene solo vivendo. Non puoi accelerare questo processo. Mi sento più a mio agio ora, anche quando si tratta di ambizione. O, più precisamente: mancanza di ambizione. (Ride)

Dieci anni fa, non volevi nemmeno più essere un musicista.

“Da quando avevo 17 anni, ho fatto tournée internazionali con uomini molto più grandi di me: superstar e dEUS, ma anche regine dell’età della pietra, aquile del death metal… Ho avuto Broken Glass Heroes, Eat Lions e Disko Drunkards. In Quando avevo trent’anni, ho iniziato a chiedermi: è questo adesso? La pressione che mi mettevo addosso a vent’anni, il desiderio di compiacere … era sufficiente. Nel 2011 e nel 2012 non ho toccato la chitarra. Ho persino pensato: lo farò fare qualcos’altro, darò Candidatura per un lavoro Volevo anche un ambiente di lavoro con colleghe o una routine quotidiana.

“Durante quel periodo senza chitarra, mi sono reso conto che la mia vita non sarebbe andata in pezzi se non avessi suonato musica. Mi ha sicuramente aiutato nell’ultimo anno. Ciò non significa che l’esibizione non sia una celebrazione della vita. , perché ovviamente lo è!”

A Boomtown, una canzone è stata dedicata al batterista dei Rolling Stones Charlie Watts, scomparso quel giorno. Pensi che le pietre potrebbero andare avanti senza di lui?

La domanda è: non dovrebbero davvero fermarsi? Sono andato anche a trovarli quando erano alla Werchter qualche anno fa. È stato bello. Poi ho comprato un paio di pantaloni della tuta Stones e da allora li ho indossati fedelmente. La prima crepa è apparsa solo di recente.

“Una volta ero Benjamin dappertutto e i musicisti ora sono più giovani di me. Di recente ho postato scherzosamente un logo di MySpace come immagine del profilo sul mio Instagram. Qualcuno mi ha chiesto ‘Ehi, cos’è questo?’. Se dovessi spiegarlo, perché dovresti? Non è più divertente. Voglio solo dire: tutto passerà”.

dub it oh no no dalla Commissione sull’Ipnosi di Cortisona. Millionaire gioca il 10 settembre allo Schippersweekend di Lauwe. L’Hypnosis Committee suona il 24 settembre al Dokrijk di Anversa.

© Dukhana

READ  La Disney aggiusta gli accordi con gli attori dopo che Scarlett Johansson si lamenta: "Vogliamo un ponte di testa" | Film