Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Putin crede che Nato e Stati Uniti stiano attraversando la “linea rossa” con esercitazioni militari in Ucraina: questi i fatti

Cosa sono le esercitazioni militari?

Putin ha incontrato lunedì il suo omologo bielorusso Lukashenko per discutere dell'”aumento dell’attività” della NATO in Ucraina. Le unità ucraine hanno iniziato le esercitazioni militari con la NATO e le forze statunitensi la scorsa settimana. Alle manovre partecipano 4.000 soldati ucraini e 2.000 occidentali.

L’esercitazione, Rapid Trident 2021, arriva sulla scia di un’esercitazione militare congiunta su larga scala tra Russia e Bielorussia lungo i confini dell’Ucraina e dei paesi della NATO. Vi parteciparono fino a 200.000 soldati.

Cosa preoccupa esattamente Russia e Bielorussia?

Russia e Bielorussia affermano che le esercitazioni militari equivalgono a una “espansione delle infrastrutture” dell’alleanza occidentale in Ucraina, Russia e Bielorussia. Il Cremlino sembra essere ancora più allarmato dalla presenza di unità statunitensi di stanza in Ucraina da aprile in missione di addestramento.

“Stanno portando le forze della NATO in Ucraina”, ha detto Lukashenko dopo aver incontrato Putin. Con il pretesto di centri di formazione, stanno già creando basi nel paese. Ovviamente dobbiamo rispondere a questo”.

È probabile che anche la Russia sia preoccupata per la richiesta del Congresso degli Stati Uniti di fornire all’Ucraina più armi. Questi includono i sistemi antiaerei Iron Dome. Ma è dubbio che l’amministrazione Biden sarebbe d’accordo, temendo che possa infiammare la tensione nella regione.

Putin e Lukashenko hanno raggiunto un accordo?

Secondo Lukashenko, lui e Putin erano d’accordo che qualcosa doveva essere fatto. “Altrimenti, domani avremo una situazione inaccettabile ai confini con Russia e Bielorussia”. Non ha detto quali azioni i paesi hanno pianificato di intraprendere.

Come risponde l’Ucraina alle minacce del Cremlino?

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ignorato le minacce del Cremlino. Ha twittato che la Russia non dovrebbe interferire nella situazione in Ucraina. Le “linee rosse” di Putin finiscono ai confini della Russia. Dalla nostra parte del confine, decidiamo da soli cosa fare nell’interesse del popolo ucraino, della sicurezza dell’Ucraina e dell’Europa”.

Le relazioni tra i due paesi sono state molto scarse da quando la Russia ha conquistato la Crimea nel 2014 e ha fornito supporto militare ai separatisti filo-russi che hanno preso il potere nell’est del paese.

C’è ancora una possibilità di adesione alla NATO per l’Ucraina?

L’Ucraina ha spinto per anni ad aderire alla NATO, con grande dispiacere della Russia. Secondo Mosca, dopo la caduta del muro di Berlino e il crollo del Patto di Varsavia, l’alleanza militare dell’Europa orientale, l’Occidente ha promesso che la NATO non si sarebbe allargata verso est.

Al momento, la NATO ha pochi incentivi ad accettare l’Ucraina. Il conflitto con la Russia per la Crimea e le regioni separatiste filo-russe gioca un ruolo importante in questo. Con sua grande delusione, l’Ucraina non è stata ancora accettata nel Membership Action Plan, una sorta di portale online per la NATO.

READ  Metissen fa causa a uno stato belga per rapimento e aggressione | All'estero