Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Pugile marocchino tatuato nazista (video)

24 settembre 2021 – 10:40 – Partita

Mucca

Il pugile marocchino Hassan Nordine è diventato il nuovo campione italiano dei pesi superpiuma battendo il pugile italiano Michael Broyle a Trieste domenica sera. Il suo nemico fu tatuato dai nazisti, ravvivando il dibattito sui simboli nazisti e fascisti in Italia.

Hassan Nordine, 34 anni, è ora il nuovo Campione Italiano Super Piuma. Ha sconfitto il 29enne Michael Broyle a Trieste domenica 19 settembre e ha vinto il titolo con decisione unanime dei giudici. Il suo nemico era “Veneto Frende Skinheads”, tatuato con un gruppo violento, razzista e antisemita; SS e teschi sono usati da “Dodenkoff”, le fazioni SS responsabili dei campi di concentramento e la fazione 30 SS, che è particolarmente responsabile degli orribili massacri e crimini di guerra; E il n. 88, un riferimento generale al saluto nazista e ai combattenti delle SS.

Per saperne di più: le transazioni commerciali marocchine stanno diminuendo a livello globale

Questi tatuaggi nazisti non hanno spaventato l’atleta marocchino. “Ero disgustato dai tatuaggi di Broily che glorificavano il nazismo. […] Vincere è stato ancora più divertente. […] Non posso negare che vincere quel tatuaggio valga il doppio”, ha detto Hassan Nord in un’intervista al quotidiano italiano. Stampa. Si rammarica che la Federazione Pugilistica Italiana (FIB) abbia permesso al pugile tatuato di combattere con i simboli nazisti. “La federazione deve rendersi conto che ci sono alcune opzioni che possono essere disgustose per un pugile e che sono punibili”, ha detto Nordin.

Leggi di più: Il pugile marocchino segue Mike Tyson alle Olimpiadi

“Chiunque va a scuola sa cosa hanno fatto i nazisti, e anche chi non va a scuola sa cos’è l’Olocausto. […] Bisogna far capire ai giovani che questi sono messaggi pericolosi. Devi ricordare loro che questi simboli provocano un genocidio”.