Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Prima europea: la maggioranza delle donne politiche in Islanda | All’estero

I risultati finali delle elezioni parlamentari annunciati domenica hanno affermato che ci sono più donne che uomini nel nuovo parlamento islandese. Questo è il primo in Europa.




Dei 63 seggi ad Althingi, 33 seggi, ovvero il 52,3 per cento, saranno occupati da donne, secondo le proiezioni basate sui risultati finali. Secondo i dati della Banca Mondiale, nessun paese in Europa ha superato la soglia simbolica del 50 per cento. La Svezia ha finora guidato la strada, con il 47 per cento di donne deputate.

A livello globale, ci sono altri cinque paesi in cui i parlamenti sono composti da almeno la metà di donne: Ruanda (61 percento), Cuba (53 percento), Nicaragua (51 percento), Messico ed Emirati Arabi Uniti (50 percento), secondo il dati. Dall’Unione Interparlamentare (UIP).

Sebbene molti partiti nominono in modo indipendente un numero minimo di candidate donne, non esiste una legge che imponga una quota per le donne alle elezioni parlamentari in Islanda. L’Islanda è stato anche il primo paese ad eleggere democraticamente un capo di stato donna nel 1980.

Il governo di coalizione uscente ha ottenuto buoni risultati nelle elezioni di sabato. Il partito della Sinistra Verde del primo ministro Catherine Jacobsdottir è andato un po’ meno bene rispetto al 2017. I suoi partner di coalizione, il Partito dell’Indipendenza conservatore e il Partito progressista agrario liberale, stanno migliorando.