Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Plastica, nota dirigenziale brasiliana L’industria cartaria affronta la sfida di concludere in Italia – News

Anche l’industria della carta è coinvolta nella riduzione della plastica a favore di soluzioni più sostenibili. Dei corpuscoli della multinazionale tedesca nel comune di Luca, in Italia, quello dietro questa sfida è un brasiliano.

Anche l’industria della carta è coinvolta nella riduzione della plastica a favore di soluzioni più sostenibili. Tra i corpuscoli della multinazionale tedesca nel comune di Luca, in Italia, c’è un brasiliano dietro questa sfida.

Gina Marx, giornalista RFI

Oswaldo Cruz Jr. di San Paolo è l’amministratore delegato della divisione “Tissue” Paper Making, che produce carta igienica, asciugatutto, carta velina, carta per il viso e tovaglioli.

“La carta è un prodotto standard perché deriva da un ingrediente che deriva dall’eucalipto, un albero piantato appositamente per fare la polpa. Il cattivo principale è la plastica che va nella confezione, Crea il pacchetto piccolo che vediamo al supermercato, crea il pacchetto grande attraverso il quale passano quei piccoli pacchetti “, spiega. Le stesse macchine che usavano gli imballaggi in plastica possono produrre pacchi di carta, con adattamenti quasi insignificanti. I sacchetti di grandi dimensioni possono essere sostituiti con cartone, cartone e altro. Questo è un focus molto importante “, osserva, aggiungendo che la colla utilizzata alla fine di un rotolo è già quasi al 100% a base d’acqua.

Il percorso è iniziato in Brasile

Cruz Jr. ha 55 anni ed è nato nella zona di Penha a San Paolo. Dopo essersi laureato in ingegneria alla McKenzie University, è entrato in azienda come venditore. “Nel maggio 1994, in questa azienda in Brasile, avevamo anche una filiale. A quel tempo, vendevo macchine anche in Sud America”, ha ricordato.

READ  Bergen cerca un posto in Champions League in Italia...

In precedenza era stata acquisita da Corbyn, una società di proprietà del gruppo italiano Fabio Perini. Tredici anni dopo, un nativo di San Paolo è stato promosso a capo dell’azienda in Brasile, con sede a Joinville (SC).

“Nel 2007, quando ero presidente, l’azienda stava attraversando un momento difficile di crisi, c’era molta incertezza. Si pensava addirittura di chiudere le operazioni in Brasile. Ma come tutti i brasiliani siamo tornati. Abbiamo scosso la polvere e siamo andati di nuovo”, ha sottolineato.

Nel 2017 è stato sorpreso dalla proposta di trasferirsi in Italia come amministratore delegato della società. “All’epoca avevo 50 anni. Ad essere onesti, questa non era una chiamata quando avevi 50 anni”, ammette. “Quando avevo 40 anni, probabilmente avevo bisogno di questa promozione. A 50 anni è stata una sorpresa per me”.

La parte italiana ha una tradizione nella produzione della carta

La città di Luca oggi è conosciuta in tutto il mondo per la sua produzione di carta. La tradizione è antica e legata alle risorse idriche di questa parte d’Italia. Nel 1307 a Luca fu costituita l’Associazione dei Paperworkers.

“Oggi molte persone pensano erroneamente che i beni strumentali non abbiano posto nei paesi sviluppati per l’industria e la produzione. Pensano che sia necessario migrare verso i paesi a basso costo. Non è così”, dice il brasiliano. “Ad esempio, la Toscana è una parte della produzione della carta. Inoltre, ha la qualità e la formazione del personale, l’istruzione, è piena di fornitori. Pertanto, è un’area appropriata per investire nella produzione di attrezzature”.

Secondo Cruise Jr., l’epidemia non ha influito sulla produzione della fabbrica – al contrario, la domanda di materiali come la carta igienica è aumentata del 30% a marzo dello scorso anno, all’inizio dell’epidemia. Il crollo delle scorte nei supermercati segnerà una delle immagini di questa crisi sanitaria.

READ  I tifosi scendono nelle strade d'Italia per festeggiare il titolo

“Oggi la nostra azienda impiega praticamente circa la metà del personale qui, circa 600 persone, e l’altra metà lavora da casa. Non abbiamo alcun impatto sulle nostre prestazioni. Lavoriamo tutto l’anno, come facevamo in passato”, osserva.