Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Pesanti combattimenti nella valle del Panjshir è l’unica area non sotto il controllo dei talebani

I talebani sono passati all’offensiva dopo il fallimento dei negoziati. I combattenti del leader locale Ahmad Masoud, figlio del defunto signore della guerra Ahmad Shah Masoud, sono sostenuti nella valle settentrionale dai soldati dell’esercito governativo sconfitto. Anche i membri delle milizie anti-talebane di altre province si sono uniti al Fronte di resistenza di Massoud.

I rapporti dalla zona indicano un’escalation della battaglia in mattinata. I combattenti talebani hanno intensificato i loro attacchi di artiglieria. Densi pennacchi di fumo possono essere visti dagli effetti sulle immagini. Secondo un giornalista di Al Jazeera sul posto, sono in corso pesanti combattimenti, soprattutto all’unico ingresso della valle. I combattenti di Massoud stanno anche cercando di fermare l’avanzata dei talebani con artiglieria e lanciarazzi.

In particolare, i talebani affermano di aver ottenuto significativi guadagni in un distretto chiave, Chotol. Gli insorti negano, affermando che più di 300 combattenti talebani sono stati uccisi nei combattimenti. I talebani stanno usando le moderne armi americane che hanno ottenuto nel loro attacco. Ma le battaglie passate nella valle negli ultimi decenni hanno dimostrato che la superiorità militare non deve essere decisiva.

immagine vuota

Affare

È difficile catturare la valle, l’area principale della provincia. Durante l’invasione sovietica negli anni ’80 scoppiarono anche feroci battaglie. Allora i sovietici e l’esercito governativo non riuscirono a conquistare la valle, che era ben protetta all’imbocco e dalle pendici. Un vantaggio del fronte di resistenza è che è sostenuto dai commando dell’esercito afghano. Questi soldati d’élite, addestrati dagli Stati Uniti, sono stati responsabili delle battaglie più dure con i talebani negli ultimi anni.

Ahmed Shah Massoud è diventato, in parte, grazie alla sua lotta vittoriosa, un importante leader della resistenza antisovietica. È stato ucciso nel 2001, due giorni prima degli attacchi dell’11 settembre negli Stati Uniti, in un attentato suicida presumibilmente opera di al-Qaeda. Suo figlio si era ritirato nella valle il mese scorso per guidare la resistenza contro i talebani. A lui si è unito l’ex vicepresidente Amrullah Saleh, che, a differenza del presidente Ashraf Ghani, non ha lasciato il Paese.

Massoud ha rivolto un appello urgente agli Stati Uniti affinché sostengano lui e il Movimento di resistenza nazionale afghano (NRF). L’escalation della battaglia arriva dopo che le due parti hanno cercato di negoziare un accordo. La scorsa settimana, si diceva che si fosse svolto un incontro nella contea di Parwar. Nelle interviste, Massoud, rendendosi conto che non poteva sconfiggere i talebani militarmente, ha detto che stava cercando un accordo in cui il movimento avrebbe accettato di condividere il potere. Tuttavia, questo è inaccettabile per i talebani, che controllano il resto dell’Afghanistan.