Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Perché le Fiandre Occidentali sono considerate una roccaforte dialettale: 4 conclusioni dal Grande Dialetto

Per coloro che sentono ancora il tuono a Colonia: “Nuota attraverso i morsi” Significa tanto quanto “costruzione di feste”. L’espressione è in cima alla lista delle parole che gli oltre 12.000 partecipanti al Great Flanders Dialect Test vogliono continuare ad amare. Questo elenco contiene anche più parole fiamminghe occidentali. classici come: mare (panino) e Jack, Nick, Gus, Nice (dimissioni si e no).

1. Fiandre Occidentali sopra

È “Fiandre occidentali in cima” nella lista, il che ha perfettamente senso. Quasi la metà delle persone che hanno completato il test proveniva anche da quella provincia. Secondo i ricercatori, questo dimostra sostanzialmente che il dialetto in quella regione è ancora molto vivo. Ciò può essere spiegato anche in termini storici, afferma Anne-Sophie Ghislaine, linguista nel dipartimento olandese del dipartimento di linguistica di UGent. Ho lavorato sui test dialettali con altri tre compagni di classe e ho scritto anche insieme Atlante del dialetto nelle Fiandre. “Le Fiandre Occidentali sono un’area che non è stata urbana o industriale per molto tempo, quindi meno persone dall’estero si sono stabilite”, afferma Gislin. “Questo significa meno contatto linguistico o dialettale, quindi c’è meno bisogno di slang che era comunemente inteso”.

2. Le donne sono meno impressionate

Un altro fatto sorprendente nei risultati del test: le donne hanno più obiezioni all’accento rispetto agli uomini. Lo sanno e lo usano meno degli uomini, ed è più probabile che lo trovino marginale quando sentono i bambini che ne parlano. Trovano anche meno piacevole sentire l’accento sulla televisione e sulla musica rispetto agli uomini. Ghyselen: “Lo abbiamo già visto in ricerche internazionali. L’accento è spesso associato alla rudezza, che è più probabile che piaccia agli uomini. Quindi i padri tendono a insistere sul linguaggio ‘pulito’ più con le loro figlie che con i loro figli. Parlando il dialetto, gli uomini a volte pensano di poter enfatizzare maggiormente la loro mascolinità. Notiamo anche dai nostri dati che questo schema persiste chiaramente oggi.

3. Tono più basso

Ma ci sono anche notizie meno piacevoli per gli amanti del dialetto: il dialetto si parla sempre meno. Il 93% degli intervistati afferma di comprendere ancora bene il dialetto. Ma solo il 74 per cento ha dichiarato di parlare bene il dialetto del comune in cui è cresciuto. E solo il 55% dice di parlare spesso quel dialetto.

I partecipanti più giovani e meno numerosi hanno indicato di capire e parlare il dialetto. I ricercatori affermano che questa perdita di tono ha diverse cause. Negli anni ’60 e ’80 in particolare, le scuole iniziarono a diffondere il “fiammingo pulito” tra gli studenti di tutte le classi sociali, e i puristi linguistici fecero una campagna per l’introduzione dell’olandese standard. Perché secondo loro, quello era il linguaggio che ti avrebbe aiutato ad andare avanti nella vita. Di conseguenza, molti fiamminghi iniziarono spontaneamente ad associare il dialetto alla mancanza di educazione e civiltà. Così i genitori hanno cominciato a crescere i loro figli sempre di più in questa lingua standard.

4. I giovani non sono alienati

I dialetti possono essere meno parlati, ma i giovani non sembrano odiarli più degli anziani. Anche se la guardano in modo diverso. Mentre le generazioni più anziane vedono ancora il dialetto come la loro lingua madre, la lingua usata nella vita privata, considerano normale che un lettore di notizie usi, ad esempio, l’olandese standard, e lo stesso vale per i più giovani. Le generazioni più giovani crescono sempre di più i loro figli con il dialetto, perché non vogliono mettere a repentaglio le loro opportunità scolastiche e lavorative, ma hanno meno problemi a sentire il dialetto alla radio, alla televisione o in pubblico. “Se il dialetto o la lingua intermedia contribuisce all’originalità del presentatore o del cantante, allora dovrebbe essere possibile, secondo Young”, afferma Ghislaine.

Tre giovani fiamminghi su quattro credono di poter ancora sentire da dove viene qualcuno. Riconoscono chiaramente il fiammingo occidentale Wannes Cappelle o Anversa di Slongs Dievanongs. Ghyselen però crede che la distinzione stia svanendo. “Gli over 65 possono ancora sentire se qualcuno è venuto da Ostenda o Kortrijk, da Anversa o Mechelen o da Gand o Aalst. Gli under 35 sentono solo la differenza tra fiammingo occidentale, Anversa, Limburgo o Gand.

In quasi tutte le province si registra una perdita di dialetto, anche se non ovunque con la stessa velocità. Come accennato, le Fiandre occidentali rimangono la roccaforte dialettale più vivace. Anche lì i giovani sembrano essere più resistenti al dialetto rispetto alle altre province. Ghyselen: “Ad esempio: la parola abbraccio (singolare) Si verifica sia nel fiammingo occidentale che in quello orientale. Ma si scopre che la gioventù fiamminga occidentale più della gioventù fiamminga orientale conosce il significato.

Ma ciò che ha dato più divertimento ai ricercatori è che i partecipanti al test hanno inviato loro messaggi automaticamente dopo averlo completato. “A molte persone è piaciuto molto. Per noi, questo è un segno che c’è ancora un altissimo livello di interesse per questi dialetti”.

Atlante del dialetto delle Fiandre Di Johan De Caluwe, Veronique De Tier, Anne-Sophie Ghyselen e Roxane Vandenberghe Inserito da Lannoo.

READ  L'ultimo libro dell'autrice defunta Lucinda Riley sarà pubblicato nella primavera del 2022 Showbiz