Ottobre 18, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Unione europea continua a guidare i Balcani occidentali | All’estero

Sei paesi dei Balcani occidentali non hanno ancora offerto alcuna possibilità di adesione all’Unione europea. Paesi come i Paesi Bassi e la Germania non vogliono ancora concordare con loro una data di adesione. Albania, Macedonia del Nord, Serbia e Montenegro, nonché Bosnia e Kosovo, devono ancora attuare molte riforme.




I paesi hanno voluto aderire al sindacato per anni e sono state ripetutamente pronunciate parole incoraggianti nella sala d’attesa. La Commissione europea ha già fatto riferimento all’anno 2025 per l’adesione dei sei paesi. La Slovenia, che presiederà l’Unione europea tra sei mesi, ha dedicato il vertice UE di mercoledì alla regione e ha voluto concordare che sarebbe avvenuto prima del 2030. Ma ciò ha incontrato una grande resistenza.

Il primo ministro olandese Mark Rutte osserva poi che “questo in realtà è troppo per tutti”. “Perché vuoi essere sicuro che quando gli stati diventano membri, soddisfino anche tutti i requisiti. Se ora prendi un appuntamento e dici: questa data è sacra, e non se soddisfi i requisiti, rischi che gli stati non lo facciano” non faranno tutto il necessario per diventare membri in realtà”.

impazienza

L’Albania e la Macedonia del Nord sono ansiose di avviare i negoziati sulle riforme necessarie, ma non hanno ottenuto il permesso. Rota comprende la loro impazienza. Ma dice che è colpa della Bulgaria, che ha ostacolato l’avvio dei negoziati a causa di una vecchia spaccatura con la Macedonia del Nord. “Oggi abbiamo detto con molti colleghi, me compreso: risolvi questo problema”.

Il termine carico di “allargamento” dell’Unione europea compare nella dichiarazione in cui i leader hanno concluso il vertice ma indirettamente, senza scadenze né impegni. Nonostante ciò, secondo i leader dell’UE, c’è la consapevolezza che Russia e Cina possono stabilizzare la regione se sono isolate dall’UE. Ancora una volta, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha avvertito che la persuasione e l’influenza dell’Unione rischiano di appassire se la pazienza degli Stati membri ambiziosi viene messa alla prova.

READ  Greta Thunberg denuncia 30 anni di "chiacchiere" sul clima