Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Italia teme un aumento degli immigrati dalla Tunisia

L’Italia teme che la recente crisi politica in Tunisia aumenterà il numero di immigrati che arrivano a Lampedusa.

Lampedusa è il principale punto di ingresso per chi vuole raggiungere l’Europa dal Nord Africa. Ma secondo ONG Mediterranean TrustIl numero di immigrati nell’isola italiana è persino inferiore a quello della primavera araba.

“Naturalmente, nella primavera araba del 2011, non possiamo confrontare la situazione attuale in cui decine di migliaia di persone sono state costrette a fuggire dal Paese. Questo è uno scenario diverso. Speranza mediterranea.

Da luglio, secondo l’Ong, il numero dei migranti tunisini a Lampedusa è aumentato. La Tunisia è il Paese principale per gli immigrati immigrati in Italia negli ultimi mesi. Nel 2020 le presenze sono quadruplicate. Ci sono anche intere famiglie e piccole famiglie isolate.

L’Unione Europea si è impegnata a sostenere l’economia tunisina

L’Italia e l’Unione Europea si sono recentemente impegnate a sostenere l’economia tunisina per frenare le migrazioni dal Mediterraneo verso l’Europa.

Nel 2020, l’Italia ha fornito alla Tunisia undici milioni di euro per addestrare ed equipaggiare la guardia costiera del Paese. Ma secondo il deputato tunisino Majdi Grabi, l’investimento non ha prodotto i benefici attesi perché il numero dei tunisini che lasciano il Paese continua ad aumentare, l’economia è paralizzata ei giovani non hanno possibilità.

“Tutto dipende dalla persona nominata dal presidente come presidente del Consiglio. La Tunisia può raggiungere un accordo, migliorare i rapporti con l’Italia e l’Unione europea, gestire la crisi migratoria o, se fallisce, si corre il rischio di essere una dittatura, “Ha detto Majdi Garabi a Euronius.

I paesi dell’UE non si capiscono sulla politica dell’immigrazione

Non c’è consenso tra gli Stati membri dell’UE sulla migrazione.

READ  Weekend di Formula 1 con tanto clima estivo in Italia

“Naturalmente non è stato ancora raggiunto un accordo. Gli Stati membri non sono d’accordo sulla necessità di solidarietà e sostegno ai Paesi colpiti dalla crisi dell’immigrazione. Diritti Euro Med.

La Tunisia è uno dei pochi paesi africani a firmare accordi di espulsione con l’Italia. Ma per gli italiani gli sforzi dovrebbero concentrarsi sulla prevenzione della concorrenza. La scorsa settimana, Roma ha nuovamente affermato alla Commissione europea che era urgentemente necessario un cambiamento nella politica migratoria dell’UE.