Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Le persone anziane hanno visto o sentito bambini niente di meno

Nei paesi in cui sono state attuate misure rigorose contro il Corona, ciò non ha avuto un impatto negativo sulle comunicazioni tra gli anziani e i loro figli che vivono lontano da casa, anzi. Questa è la conclusione di uno studio condotto dall’Università di UAntwerp, UGent ed Erasmus di Rotterdam.

Nel nostro Paese la comunicazione tra genitori e figli è aumentata in più della metà dei casi, spesso anche attraverso mezzi digitali. Le comunicazioni sono diminuite solo nel 12% delle famiglie. Ci si aspettava che la crisi del Corona avrebbe rappresentato un ostacolo alle relazioni familiari, ma non sembra essere così. Questa è una buona notizia, dicono i ricercatori, perché il frequente contatto genitore-figlio protegge dall’isolamento sociale e dalla solitudine più avanti nella vita.

Alcuni anziani possono essere più dipendenti dalle cure rispetto ai loro figli, perché l’assistenza domiciliare non è più disponibile. Altri hanno continuato a prendersi cura dei loro nipoti quando le scuole sono state chiuse. Forse c’era anche una maggiore preoccupazione per la salute dell’altro. L’importante eccezione a questo riscontro positivo sono gli anziani che vivono in una struttura: a causa del divieto di visita, hanno avuto meno contatti.

READ  Un vaccino contro tutte le varianti e il futuro focolaio del Corona virus: non sembra impossibile