Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Le cellule T sono più efficaci contro le cellule tumorali quando lavorano insieme

Le cosiddette cellule T citotossiche sono efficaci “soldati del sistema immunitario” in grado di uccidere una singola cellula leucemica fino a 20 volte al giorno. Tuttavia, nelle cellule tumorali più grandi, la singola cellula T è molto meno efficace. L’attacco quindi raramente provoca la morte delle cellule tumorali.

La cooperazione con le cellule T è più efficace

Quando le cellule T CooperareCome spiegano gli scienziati di Radboudumc, sono riusciti a uccidere le cellule tumorali più grandi in modo più efficace. Gli scienziati sono ammessi in Pubblicazione In Nature Communications, osserva esattamente come funzionano le cellule T cooperanti, come le cellule tumorali vengono danneggiate irreparabilmente e come le cellule tumorali cercano di riparare il danno causato.

Per la ricerca, gli scienziati hanno utilizzato cellule di melanoma. Hanno esaminato la comunicazione tra le cellule T e le cellule di melanoma sotto uno speciale microscopio a cellule vive. Per simulare queste interazioni, i ricercatori hanno sviluppato modelli informatici 3D. Attraverso questa ricerca, sono stati in grado di dimostrare e finalmente vedere quelle cellule tumorali che sono state attaccate almeno tre volte da una cellula T entro tre ore.

In quattro casi su cinque, le cellule tumorali sono state attaccate da più cellule T. Minore è la concentrazione di cellule T, minore è il danno causato e quindi maggiore è la possibilità che le cellule tumorali vengano curate. Quindi la conclusione è: più cellule T sono intrappolate nella cellula tumorale, meglio è.

Migliorare il trattamento del cancro

Sapevamo già che le cellule T e le cellule cancerose sono in contatto regolare tra loro. Ma cosa succede esattamente tra le cellule? Vediamo che durante la metà delle reazioni la cellula T danneggia la cellula cancerosa, causando buchi nella membrana cellulare, rottura della membrana nucleare e danni al DNA. Questo non dovrebbe essere visto come un colpo di bazooka, ma piuttosto come un taglio con un coltellino. Se la cellula T viene tagliata solo una volta, la cellula tumorale può ancora riparare il danno, proprio come possiamo guarire da una ferita. Ma più danni in breve tempo possono uccidere la cellula cancerosa”, afferma Peter Friedel, professore di microscopia cellulare presso Radbodomic.

READ  Estremamente pericoloso: sei troppo disperso a tua insaputa

La ricerca e le scoperte degli scienziati forniscono nuovi indizi per il miglioramento Trattamento per il cancro. Prof. Friedel sull’argomento: “Mostriamo che più colpi che non portano individualmente alla morte delle cellule tumorali, possono farlo insieme. Vuoi incoraggiarlo di più. Ad esempio, con farmaci che assicurano un attaccamento più lungo della cellula T al cellula tumorale attraverso i cosiddetti checkpoint attivanti Questi farmaci si legano alla cellula T e stimolano la risposta immunitaria contro le cellule tumorali Abbiamo già dimostrato che una singola cellula T provoca poi danni multipli alla stessa cellula tumorale Si possono anche somministrare dosi molto basse di chemioterapia o radiazioni, in modo che il danno aumenti il ​​danno causato dalle cellule T. Ci aspettiamo che questo renda la cellula tumorale più sensibile e muoia più velocemente”.