Settembre 27, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

La pediatra ed epidemiologa Patricia Brugging: “Lasciate che i bambini costruiscano l’immunità naturale”

Il nuovo anno scolastico è appena iniziato quando centinaia di scuole hanno già dovuto mandare a casa le lezioni dopo aver contratto il coronavirus. Insostenibili, dicono le scuole. Anche l’OMT è chiuso, secondo il pediatra Karoly Ely sul giornale devozione, prima di allentare le misure di quarantena dal 20 settembre.

Anche la pediatra ed epidemiologa Patricia Brugging, che lavora all’UMC Utrecht, sostiene questo rilassamento. Al telefono, racconta, era prevista una nuova ondata di quarantena. Sapevamo che sarebbe successo dopo l’estate. L’attuale politica mira a prevenire in una certa misura la diffusione del virus e a tenerla sotto controllo. Non ha lo scopo di prevenire ogni infezione”.

I bambini di età inferiore ai dodici anni non sono vaccinati. “Anche se i bambini sembrano avere meno probabilità di trasmettere il virus rispetto agli adulti, sono ancora in grado di infettarsi a vicenda perché non devono più mantenere le distanze in classe e perché ora abbiamo il tipo delta più contagioso. Quindi può essere difficile Anche se non stiamo ancora assistendo a un aumento significativo del numero di casi di bambini contagiati dal Coronavirus nei dati nazionali”.

La stragrande maggioranza degli insegnanti è stata vaccinata. Inviare le lezioni a casa è ancora proporzionato?

“Domanda giusta. A questo punto della pandemia, potrebbe essere una politica giustificata. Ma una volta stabilito che ciò è possibile, devi prima revocare le misure di quarantena nelle scuole. Ora che gran parte della popolazione è stata vaccinata, la prospettiva è cambiato. Il rischio di contagio non è certo ottimo per i bambini, lo sappiamo dopo un anno e mezzo di esperienza e ricerca. Pensatelo, con poche eccezioni, come un comune raffreddore”.

READ  Studio cinese: la metà dei pazienti Corona soffre ancora di lamentele dopo anni

covid polmonare nei bambini?

Per quanto ne sappiamo, questo rischio è minimo. I disturbi si basano principalmente su problemi seri occasionali. Questi ragazzi finiscono con i pediatri, ed è giusto che suonino i campanelli d’allarme. Ma se fai una ricerca sistematica dopo, scoprirai che l’immagine è diversa.

Non dobbiamo inoltre dimenticare che i bambini contraggono malattie infettive. Questo crea resistenza. Ogni anno 250 bambini vengono ricoverati con la varicella. Non ne senti nessuno. Oppure prendi l’influenza di casa, giardino e cucina: ogni anno 1.500 bambini si ammalano fino a quando non finiscono in ospedale. Tuttavia, non riteniamo necessario vaccinare tutti i bambini contro l’influenza. Per quanto ne so, una classe non è mai stata mandata a casa a causa dell’influenza”.

Leggi anche: Eccoci di nuovo, pensò il preside della scuola primaria

Quanti bambini sono finiti in ospedale a causa del Corona?

“Dall’inizio dell’epidemia, nei Paesi Bassi sono stati colpiti alcune centinaia di bambini sotto i dodici anni. Certo è orribile per chi è infetto, ma se lo paragoni alla varicella o all’influenza, sono davvero pochi i loro.”

Quindi se dipende da te…

“… tratteremo la corona nei bambini allo stesso modo in cui trattiamo, ad esempio, l’influenza. Ciò significa che non si utilizzano più misure per prevenire l’infezione nei bambini. Non tutti sono d’accordo. C’è ancora molta paura e giustamente, quella terribile malattia da Covid-19. Ma quando si tratta di bambini piccoli sani, dico che costruiscano un’immunità naturale. Può, con eccezioni, essere fatto senza ostacoli. ”

Si sta sviluppando un vaccino per i bambini piccoli. Cosa ti aspetti da lui?

“Pfizer ha ora completato gli studi sui bambini dai sei ai dodici anni e Moderna è quasi arrivata. Prevedo che almeno un vaccino sarà registrato entro la fine di quest’anno. L’Health Board valuterà quindi chi dovrebbe ricevere il vaccino. Sospetto. ” Si tratta di un piccolo gruppo di bambini a rischio”.

READ  Il nuovo sistema CRISPR-Cas taglia l'RNA virale

Fino ad allora, questi bambini sono a rischio se la procedura di quarantena termina.

“È un dilemma molto complicato. A scuola dai a questi ragazzi un po’ di protezione in più. Poi torni alle proporzioni. Per la sicurezza di pochi ragazzi, ogni tanto devi mettere tutti gli altri in quarantena domiciliare? Neanche questo va bene”.

Leggi anche: La speranza ora pende dagli adolescenti

Nell’istruzione secondaria, intere classi non devono tornare a casa. Solo coloro con i quali la persona infetta è stata in stretto contatto, a meno che non siano stati vaccinati. Le scuole non sono ufficialmente autorizzate a richiederlo.

“Ecco dove la scarpa fa male. Abbiamo un’ottima legislazione sulla privacy che funziona in tempo di pace, non in una pandemia. Può influire sulla sicurezza degli altri. È una buona idea non applicare le regole in modo troppo rigoroso. Sappiamo che dal 50 al 60 percento degli adolescenti 12 anni e i sedicenni sono stati vaccinati e si prevede che questa cifra salirà a quasi il 70%”.

È abbastanza?

“Questo non impedisce al virus di entrare nelle scuole, ma combinato con un tasso di vaccinazione della comunità vicino al 90%, dovrebbe essere sufficiente”.