Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

InSight misura i terremoti marziani più potenti fino ad oggi

I tremori marziani misurati di recente erano cinque volte più potenti del precedente detentore del record. Li abbiamo quasi persi.

Lo scorso 18 settembre, il Marslander InSight della NASA ha festeggiato i suoi 1000NS Mars Day, noto anche come Solsul pianeta rosso. I ricercatori di Marte si rallegrano: l’anniversario è reso speciale grazie alla misurazione di uno dei terremoti marziani più forti e più lunghi fino ad oggi. Per un’ora e mezza e 4,2 gradi della scala Richter, il terremoto è stato cinque volte più forte della precedente scossa più forte misurata dal robot.

Leggi anche:

interni

La ricerca di questo tipo di ‘terremoto’ marziano è uno dei motivi per cui il programma InSight è sul Pianeta Rosso. Si spera che le vibrazioni verranno utilizzate per visualizzare l’interno di Marte. Questo, a sua volta, potrebbe insegnarci di più su come altri mondi rocciosi, come la nostra Terra e la Luna, si sono formati una volta formati.

vibrazioni

Il nuovo terremoto è il terzo forte terremoto rilevato da Insight il mese scorso. Il 25 agosto il sismometro ne ha misurati anche due: uno a 4.1 e l’altro a 4.2 della scala Richter. La fonte esatta di entrambi i terremoti non è ancora chiara. Si ritiene che il primo sia avvenuto ad un’altitudine di 925 miglia e il secondo a circa 8.500 miglia dalla sonda. I dettagli sull’ultimo terremoto non sono ancora disponibili.

Il precedente terremoto più forte ha avuto una magnitudo di 3.7. Questo è stato misurato in InSight nel 2019 e proveniva da Cerberus Fossae, che sono fratture nella regione di Cerberus a circa 1.600 chilometri dalla sonda. In quella regione, tutti i terremoti sono stati misurati fino a quel momento.

READ  Talpa John de Mall stipula un accordo di coordinamento esclusivo con Eureka a Oz
Quello Fotografia Il mezzo da sbarco InSight con pannelli solari (polverosi) composto da immagini scattate dal robot tra il 15 marzo e l’11 aprile 2021. NASA/JPL-Caltech

polvere per

E a proposito, potremmo quasi confondere i terremoti. All’inizio di quest’anno, quando lo strumento ellittico di Marte ha allontanato il pianeta rosso dal sole, la temperatura è scesa. Per questo motivo, InSight ha dovuto sfruttare il riscaldamento interno per stare al caldo. Ciò richiede energia. E sebbene la sonda abbia pannelli solari, relativamente poca energia proveniva dalla polvere che si accumulava sui pannelli. Un modo per risparmiare energia preziosa era spegnere una serie di strumenti, incluso il sismometro.

Per fortuna non si è arrivati ​​a questo. Invece, il team della NASA ha deciso di utilizzare il braccio robotico di InSight per scaricare della sabbia lungo i pannelli solari. I ricercatori planetari sperano che il vento porti i granelli di sabbia sui pannelli solari, raccogliendo parte della polvere. Funzionava, e quindi il sismometro poteva ancora essere usato per misurare i terremoti marziani.

Un’impressione artistica di InSight su Marte. IPGP / Nicolas Sartre

guadagni inaspettati

Misurare è un colpo di fortuna. All’inizio di quest’anno, InSight ha dovuto subire un duro colpo. Uno degli obiettivi della sonda era scavare più a fondo nel suolo marziano rispetto ai robot precedenti. Ma dopo due anni di fatica, la sonda termica non è riuscita a perforare la crosta di Marte.

La NASA ha gettato la spugna, ma (per fortuna) non ha disabilitato InSight. Dopotutto, altri strumenti, come il sismometro, possono ancora fornire osservazioni interessanti. E così si è scoperto. L’agenzia spaziale manterrà il lander in funzione almeno fino alla fine del 2022.

Risorse: Laboratorio di propulsione a getto della NASA (JPL)e IFLScienza

Foto: NASA/JPL-Caltech, IPGP/Nicolas Sarter