Ottobre 20, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

La Chiesa cattolica canadese si scusa per gli abusi nei collegi | All’estero

Venerdì i vescovi cattolici canadesi si sono scusati formalmente con le popolazioni indigene per i gravi abusi nei loro collegi. Negli ultimi mesi sono state scoperte centinaia di tombe non identificate in ex scuole.




Fino alla fine del secolo scorso, circa 150.000 bambini aborigeni furono mandati in 139 collegi, dove furono allontanati con la forza dalle loro famiglie, lingua e cultura. Spesso cadono vittime di malnutrizione e abusi fisici e sessuali.

La Chiesa cattolica in Canada ha ora chiesto scusa. I vescovi riconoscono “sofferenze nei collegi” e “gravi abusi commessi da alcuni membri” della comunità cattolica.

“Diverse confessioni religiose e parrocchie cattoliche facevano parte di un sistema che sopprimeva le lingue, la cultura e la spiritualità indigene, senza rispettare la ricchezza della storia, delle tradizioni e della saggezza indigene”, si legge in una dichiarazione scritta. affermazione.

Le scuse di papa Francesco

Più di mille tombe non identificate sono state scoperte negli ultimi mesi in ex collegi cattolici in Canada. Diversi gruppi di aborigeni chiesero scuse al Papa, Che non era ancora imminente.

In ogni caso, a dicembre il Papa riceverà una delegazione indigena a Roma. Alcuni gruppi aborigeni sperano ancora che l’incontro sia il preludio alle scuse ufficiali del Papa in terra canadese.

Il 30 settembre è la prima Giornata nazionale della verità e della riconciliazione del Canada per onorare i bambini scomparsi e i sopravvissuti ai collegi.

Leggi anche:

59 denunce di aggressione sessuale in chiesa nel 2020: 3 vittime avevano meno di 18 anni l’anno scorso (+)

I manifestanti chiedono un’indagine sul “genocidio culturale” nei collegi indigeni in Canada

I resti di 215 bambini sono stati trovati nel sito di un ex collegio canadese