Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il vaccino Moderna offre la migliore protezione contro il corona: più anticorpi dopo la vaccinazione con Pfizer News

Gli anticorpi contro la corona negli individui vaccinati con il vaccino Moderna sono significativamente più alti di quelli negli individui che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. I ricercatori Deborah Stencils e Lynne Helen sono giunti a questa conclusione. Hanno condotto uno studio su 2.500 dei 4.000 dipendenti dell’ospedale Ost-Limburg (ZOL). 4.000 dipendenti e medici sono stati vaccinati negli ultimi mesi con i vaccini di Moderna, Pfizer-BioNTech e AstraZeneca. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla principale rivista scientifica JAMA.


kV


Ultimo aggiornamento:
16:09


Fonte:
belga




Dei 4.000 dipendenti e medici che sono stati vaccinati, 2.500 si sono offerti volontari per partecipare allo studio dei ricercatori. Due mesi dopo il secondo colpo, l’analisi dei dati ha mostrato che le persone vaccinate con Moderna avevano significativamente più anticorpi rispetto alle persone che avevano ricevuto il vaccino Pfizer.

“Quando i risultati sono stati convalidati clinicamente, è stato subito chiaro che il titolo anticorpale individuale (quanto è ancora rilevabile la presenza di anticorpi)”, spiega la ricercatrice capo Deborah Stencils, biologa clinica presso ZOL. Anticorpi da persone che hanno ricevuto il Moderna vaccino e le persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. Un’analisi completa dei dati ha confermato il fatto che gli anticorpi delle persone vaccinate con Moderna erano significativamente più alti di quelli delle persone che hanno ricevuto il vaccino Moderna. vaccino moderno. Vaccino Pfizer.

Vaccinazioni in ZOL Genk © Il mio Dalemans

Una possibile spiegazione per questo risultato è che l’mRNA è dosato tre volte di più nel vaccino Moderna. I risultati dello studio confermano anche i risultati di altri gruppi di ricerca secondo cui i titoli anticorpali sono più bassi nei pazienti anziani e più alti dopo la vaccinazione dopo l’infezione con il virus COVID-19. Questi primi risultati sono stati successivamente pubblicati sulla rivista scientifica JAMA.
Lo studio ha anche scoperto che un piccolo gruppo di caregiver ha avuto un tasso di risposta più basso. Questi caregiver non avevano fattori di rischio evidenti.

“È importante identificare le differenze nella risposta ai vaccini”, ha affermato il dott. Lane Helen. “I risultati dello studio possono influenzare l’aumento dell’uso dei vaccini disponibili. Ad esempio, i vaccini Moderna possono essere assegnati a persone che dovrebbero avere una risposta inferiore alla vaccinazione, come gli anziani, i malati di cancro e i pazienti in dialisi. Pazienti i cui anticorpi i titoli sono al di sotto di un valore soglia può quindi essere consigliato di iscriversi a un vaccino aggiuntivo.

I partecipanti allo studio saranno seguiti per un altro anno, anche se questo potrebbe essere più lungo se ricevono una terza dose di richiamo. Seguirà presto un’analisi dei dati del gruppo di persone vaccinate con il vaccino AstraZeneca.

Miniera di Dalman

© Il mio Dalemans

Foto per chiarimento.  Vaccinazioni in ZOL Genk

Foto per chiarimento. Vaccinazioni in ZOL Genk © Il mio Dalemans

Nelle Fiandre è stata superata la soglia del 75% delle persone completamente vaccinate

Le infezioni tra gli individui completamente vaccinati sono diminuite del 90%

READ  Tre farmaci per l'emicrania cronica in un pacchetto base a determinate condizioni