Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il rischio di ricovero aumenta di due volte con la variante delta del Corona virus

Porta Redazione online


I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet Infectious Diseases, riguardano principalmente i rischi per le persone non vaccinate. I dati non consentono conclusioni per individui completamente vaccinati.

Finora, la ricerca si è concentrata principalmente sulla maggiore portabilità della variante delta. Sono state fatte poche ricerche sui rischi di un decorso grave della malattia. Gli scienziati hanno utilizzato i risultati di decine di migliaia di test positivi assegnati a delta o alfa attraverso l’analisi genetica. Circa 9.000 sono stati attribuiti alla variante delta e circa 35.000 sono stati attribuiti alla variante alfa. Gli scienziati hanno confrontato questi dati con il numero di ricoveri ospedalieri.

Dopo aver aggiustato i dati per fattori come età e dati demografici, che in genere aumentano il rischio di malattie gravi, hanno scoperto che quelli con la variante delta avevano 2,26 volte più probabilità di morire entro due settimane dal test. All’ospedale.

La vaccinazione è fondamentale per ridurre il rischio di ingresso

Degli oltre 40.000 casi studiati, solo l’1,8% è stato completamente vaccinato, il che i ricercatori interpretano come un’ulteriore conferma che i vaccini sono altamente efficaci. Di quelli infetti, il 74% non era vaccinato e solo il 24% era parzialmente vaccinato. A causa dei dati limitati, i ricercatori non possono rilasciare dichiarazioni sull’aumento del rischio di malattie gravi nelle persone vaccinate.

READ  Il nuovo sistema CRISPR-Cas taglia l'RNA virale

“La nostra analisi mostra che senza la vaccinazione, un’epidemia delta rappresenterebbe un onere molto maggiore per il sistema sanitario rispetto a un’epidemia alfa”, ha affermato uno degli autori dello studio, Ann Brisanis dell’Università di Cambridge. “Ottenere una vaccinazione completa è fondamentale per ridurre il rischio di sviluppare sintomi di infezione e ridurre il rischio di gravi infezioni delta e ospedalizzazione”.

Uno dei punti deboli dello studio, affermano gli autori, è che non hanno dati sulle malattie passate dei loro pazienti. È anche possibile che le regole di ricovero ospedaliero siano cambiate durante il periodo di prova. In ogni caso, i ricercatori hanno cercato di ridurre il più possibile questi fattori nei loro calcoli.