Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Deschamps su Belgio e Francia: c’è qualche esagerazione in entrambi i paesi dopo la Coppa del Mondo | UEFA Nations League

I Red Devils aspettano giovedì sera l’incontro con la Francia, la squadra che tre anni fa ha sottratto il Belgio alla finale dei Mondiali. L’allenatore francese Didier Deschamps attribuisce grande importanza alla scherma nelle semifinali della Nations League. “Vogliamo fare del nostro meglio”.

Didier Deschamps si aspetta un confronto tattico, tecnico e fisico contro il Belgio giovedì. “Di certo non voglio dire in modo negativo che sarà una lotta”, dice l’allenatore della Francia.

“C’è molto rispetto reciproco tra me e Roberto Martinez e anche tra i giocatori. Alcuni giocatori giocano per lo stesso club. Ma giovedì in campo, per 1,5 ore. È in gioco un posto in finale”.

Il fatto che la Francia abbia tenuto i Red Devils fuori dalla finale dei Mondiali dà loro più comprensione. “C’è sempre qualche rivalità in più tra i paesi vicini. Così sarà anche giovedì. È sempre stata una sana rivalità. C’è stata qualche esagerazione in entrambi i paesi dopo il Mondiale”.

In passato c’era solo la Coppa del Mondo o il Campionato Europeo. Questa è un’occasione per vincere un premio.

Didier Deschamps durante la Nations League

Deschamps mostra grande rispetto per i Red Devils. “Il Belgio ha 6-7 giocatori con oltre 100 presenze. Il core ha molta esperienza e hanno molto potenziale in attacco. I Red Devils hanno una delle squadre più forti al mondo”.

La Lega delle Nazioni non ha ancora lo stesso prestigio della Coppa del Mondo o dell’Europeo, ma Deschamps non vuole perdere l’occasione di vincere un premio. “In passato c’era solo il Mondiale o l’Europeo. Questa è un’occasione per vincere un premio. Adesso che siamo in semifinale, vogliamo dare il massimo”.

READ  Minin e Van Uytvanck all'1/8 di finale, Gilet e Fliggen superano rapidamente il primo ostacolo | US Open