Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

David Kazani si dimette da Ct dell’Italia

David Kazani si dimette da Ct dell’Italia

sabato 31 luglio 2021 alle 09:03

L’ultimo sport di David Kazani come allenatore della nazionale italiana di ciclismo sono state le Olimpiadi. Porta La Gazzetta dello Sport Esternamente. Gianni Bagno, presidente dell’Associazione Ciclisti Cba, potrebbe essere il suo successore.

La partenza anticipata di Kasani da Tokyo ha spinto i media italiani a speculare sul futuro dell’allenatore della nazionale. Ci si aspettava anche che fosse un dipendente del ciclismo su pista a partire dal Giappone dopo il fine settimana.

Secondo Gazzetta Si parla dell’intervento della Federazione Ciclistica Italiana, ovvero del licenziamento. Secondo il presidente della FCI Guardiano Tacconi, il ritorno di Kazani è già previsto. “A causa delle regole speciali di queste Olimpiadi, devi tornare nel tuo paese d’origine entro 48 ore dalla tua disciplina”, ha detto al giornale.

Purtroppo non abbiamo potuto tenerlo con noi a Tokyo per le gare in pista che inizieranno lunedì. Guardando avanti, attendo con ansia i preventivi previsti per fine agosto in Val de Soul”, ha detto Daknoni.

‘Parliamo anche del mio ruolo’
C’è anche Kasani dopo essere venuto a casa sua ha risposto Sulla situazione. “Sono tranquillo, ma penso che dovremmo parlarne prima. Non ho ascoltato i commenti del presidente federale mentre me ne stavo andando. Parleremo tra di noi come persone perbene prima di rilasciare dichiarazioni a riguardo. Parleremo del mio ruolo”, ha detto all’agenzia Ansa il tecnico della nazionale.

Secondo il quotidiano Pink Sports, Gianni Bagno è stato nominato successore di Kasani come allenatore della nazionale di ciclismo. Il 57enne due volte campione del mondo è a capo della CPA dal 2010. Ape Tuttobiciweb Presentato da David Pramati (Direttore del Designing-Quick-Step Game).

READ  Sospesi gli operatori sanitari antivaccini in Italia