Giugno 23, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Al via in Italia il mega processo per le morti da amianto

Questo mercoledì (9), a Nova, in Italia, è iniziato il mega processo per i decessi causati dall’inalazione di amianto in una vecchia fabbrica di Eternite a Castello Monferrado.
L’imputato è il cancelliere e filantropo svizzero Stephen Schmidtini, l’ex proprietario di Eternity e con 350 accuse di omicidio.
La maggior parte delle vittime è morta di mesotelioma, che colpisce le membrane che controllano i polmoni ed è noto come cancro dell’amianto.
“Nonostante i tanti pugni nello stomaco, abbiamo il dovere di presentarci. Non avremo giustizia finché una sentenza non dirà che queste cose non possono accadere”, ha detto Bruno Bess, rappresentante di un’associazione che unisce le famiglie delle vittime.
Gianfrancisco Colos, l’avvocato che presiede il caso, ha detto che il caso è “ferita aperta”. Il test si svolge a porte chiuse per evitare la folla.
“Sarà un processo lungo e complicato, e prenderemo il nostro contributo tecnico e legale con la consueta serietà – ha commentato Guido Carlo Aliva, difensore di Schmidtini – l’imputato non si è costituito in giudizio a Novara.
Sostiene che il magnete da parete sia stato direttamente responsabile delle morti perché era consapevole dei rischi per la salute dell’amianto e ha permesso ai dipendenti di Eternit di interagire con il materiale nella fabbrica di Castle.
La difesa sostiene che i fatti sono gli stessi del caso dell’assoluzione di Schmidt da parte della corte marziale di Roma. Alla fine del 2014 la Magistratura italiana ha deciso di non poter punire deliberatamente il disastro ambientale perché il reato era già stato bandito per il momento.
Il caso si riferisce anche allo stabilimento Castle, che fino alla metà degli anni ’80 ha rilasciato fibre di amianto nell’ambiente, inquinando migliaia di persone. .

READ  Barfa Buffon annuncia il rafforzamento della polemica italiana sulla Serie B