Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Studio cinese: la metà dei pazienti Corona soffre ancora di lamentele dopo anni

Oggi

Tempo di lettura 1 minuto

342 opinioni

Secondo uno studio cinese, quasi la metà delle persone ricoverate in ospedale con il coronavirus ha ancora almeno un disturbo persistente dopo almeno un anno. Nella maggior parte dei casi si tratta di mancanza di respiro o affaticamento.

Secondo la rivista britannica The Lancet che ha pubblicato lo studio, si tratta del più grande studio sulle conseguenze del cosiddetto Covid a lungo termine.

Mancanza di respiro e disturbi psicologici

I ricercatori hanno seguito più di 1.000 pazienti ricoverati in ospedale a Wuhan per un anno all’inizio del 2020. Si trattava di persone che si sono ammalate così tanto da dover essere messe su un ventilatore. Questi pazienti non sono finiti nell’unità di terapia intensiva (ICU).

Un paziente su tre intervistato aveva ancora mancanza di respiro un anno dopo essere stato infettato. I ricercatori affermano che il potenziale per i sintomi a lungo termine aumenta con il progredire della malattia. Si verificano anche problemi psicologici: dodici mesi dopo l’infortunio fino a più di 6 mesi dopo l’infortunio.

covid lungo

Secondo The Lancet, lo studio mostra che le autorità devono continuare a prendersi cura dei pazienti Covid a lungo termine. “Questa è una sfida medica di prima classe”, ha scritto la rivista.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che oltre il 6% dei britannici che hanno contratto il coronavirus soffre di conseguenze a lungo termine. Nei Paesi Bassi, il Patient Group Long Covid Netherlands ha recentemente messo il numero di pazienti Covid a lungo termine a 100.000, pari a quasi il 6% del numero di infezioni registrate finora.

READ  Visitare o meno rimane un dilemma in alcune case di cura