Luglio 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Spiare. Come la Russia ha utilizzato una missione umanitaria in Italia per raccogliere dati essenziali per il vaccino Sputnik V – Observer

Quella che sembrava un’operazione di aiuto umanitario da una parte all’altra della Russia verso l’Italia – soprattutto in un momento in cui quest’ultima si trovava in una situazione critica – era, in fondo, molto di più. Giornale Repubblica Il numero del 17 giugno del Cremlino descrive come il vaccino Sputnik V è stato utilizzato per raccogliere informazioni essenziali per vedere la luce del giorno, Le autorità italiane senza dubbio.

Il 22 marzo 2020, la missione “With Love from Russia” ha portato personale materiale e medico a bordo di 13 aerei militari russi all’aeroporto Prodica de Mar di Roma, aiutando l’Italia a rispondere alla crisi del Covit-19. Stava già causando centinaia di morti ogni giorno e stabilizzando la capacità dell’ospedale.

Secondo La Repubblica, l’operazione di aiuto umanitario è stata concordata il giorno prima tra Vladimir Putin e il successivo presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Gli aiuti sono stati applicati alla zona di Bergamo, devastata dal virus in quella fase dell’epidemia. totale, 104 soldati sono stati fermati, oltre a due epidemiologi (a proposito, uno dei più rispettati del paese): Natalia Y. Senichnaya e Alexander v. Semenov.

La Russia afferma di aver scoperto una nuova variante dello Sputnik V e sta studiando le prestazioni

La Repubblica scrive: “Questo è lo scopo”.Una grande operazione di spionaggio”. Poiché non potevano farlo in Cina, che consentiva solo aiuti tramite videoconferenza, l’obiettivo dei russi era quello di accedere a informazioni che avrebbero aiutato il Cremlino a formulare una strategia contro SARS-CoV-2, con pochi dati diffusi al riguardo. I dati raccolti sono diventati essenziali per lo sviluppo del vaccino del Paese, Spotnik V, guarda caso, la mappa genetica del nuovo corona virus è stata realizzata in Russia, dal modello del contagiato a Roma, anche se la sequenza genetica di gennaio è già stata rivelato dalla Cina. Ma il Paese di Vladimir Putin voleva maggiori informazioni.

I lavori sono stati completati solo il 9 aprile 2020 e le informazioni raccolte non sono state condivise con le autorità italiane. Tuttavia, il quotidiano riporta che l’esercito russo è stato un aiuto importante nel rispondere all’epidemia a Bergamo.