Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Ricco politico russo spara a un innocente: “Pensavo avesse sparato a un orso” | all’estero

Un uomo innocente è stato assassinato nella Russia orientale all’inizio di questo mese da un membro del partito al governo Russia Unita di Putin. L’uomo ha ammesso di aver sparato, ma ha affermato che aveva intenzione di spaventare un orso bruno. Testimoni oculari affermano che il politico ha bevuto “grandi quantità di alcol”.




Igor Redkin, 55 anni, è un membro del parlamento e proprietario di diverse grandi aziende nella penisola russa della Kamchatka, e si dice che sia uno dei funzionari governativi più ricchi della Russia. Era un membro del partito al governo Russia Unita del presidente Vladimir Putin, dal quale si è dimesso a causa dell’incidente.

Secondo l’uomo, ha appreso che un orso bruno brulica in una discarica nel villaggio di Ozernovsky. Per scacciare quella fuga, il politico afferma di aver sparato più volte con il suo fucile da caccia, un fucile premium con mirini ottici speciali in modo da poter sparare bene anche in condizioni difficili. Solo in seguito si è saputo che un uomo che era stato ferito, si diceva, si era poi consegnato alla polizia.


Ma testimoni oculari dicono nei media locali che il politico ha bevuto grandi quantità di alcol prima degli eventi e che ha sparato indiscriminatamente dalla sua auto. Tuttavia, secondo il suo avvocato, Redken aveva inseguito due orsi prima dell’incidente mortale ed era convinto di aver visto un terzo orso. “Era sicuro di sparare a un orso e che non c’erano persone in vista”, ha aggiunto.

READ  Talebani alla ricerca di personale statunitense e della NATO, gli Stati Uniti hanno evacuato più di 2.000 persone da Kabul nelle ultime 24 ore | Afghanistan nelle mani dei talebani

La vittima, Andrei Tolstopiaov, 30 anni, è stata portata in ospedale, ma è morta per le ferite riportate. L’uomo era padre di un figlio.

pena detentiva

Il tribunale ha avviato un’indagine penale sulle circostanze della sparatoria. Il politico rischia anni di carcere. Nella sua dichiarazione, Redken si è detto pronto ad accettare qualsiasi punizione dalla corte. Secondo i media locali, il politico è agli arresti domiciliari da almeno due mesi in attesa di indagini.