Ottobre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Paul McCartney accusa la fine dei Beatles…

© AFP

Per anni sono stati i Black Sheep a dargli la colpa per la fine dei Beatles. Ma Paul McCartney lo sta cambiando ora. “Era John che voleva rompere”, dice in un’intervista che sarà trasmessa il mese prossimo.

Jay StevensFonte: guardiano

Sulla fine dei Beatles sono stati scritti decine di libri. Con la domanda sempre centrale: perché mai la leggendaria band si è sciolta da Liverpool nel 1970, dopo aver cambiato irrevocabilmente il mondo della musica? Non è stato Ringo Starr, né George Harrison né John Lennon a vincere i Lions, ma Paul McCartney. Diversi storici della musica hanno affermato che avrebbe potuto essere l’uomo che ha separato la band e alla fine ha staccato la spina. La leggenda narra che McCartney abbia preso questa decisione da solo quando ha risposto alla domanda di un giornalista che i Beatles non esistevano più. È stato anche criticato per aver successivamente nominato avvocati per risolvere le controversie tra i membri del gruppo.

Separazione

© ISOPIX

McCartney ha finalmente risposto e sta gettando una luce completamente diversa sulla fine dei Beatles. “Non ho iniziato io quella divisione”, ha detto McCartney in un’intervista estesa che andrà in onda a fine mese. Questo era Johnny (John Lennon, NVDR). Un giorno è andato in studio e ha detto che sarebbe uscito dal set. È questo l’inizio della scissione o no? “

McCartney ha detto che Lennon ha descritto la decisione come “abbastanza difficile” e “come un divorzio”. Erano gli altri membri del gruppo che dovevano organizzare tutto il resto, sembrava ancora. Il manager che si è appena unito, Allen Klein, ha chiesto a tutti di tacere sulla scissione in modo da poter concludere più affari. “Quindi abbiamo dovuto fingere per alcuni mesi. È stato così strano perché sapevamo che era finita ma non potevamo davvero fermarci”. Alla fine, lo disse lo stesso McCartney in quella famosa intervista “perché sono stanco di nasconderlo”.

otto anni

Il chitarrista, che ha riscosso grande successo anche da solo e con le ali dopo i Beatles e compirà 80 anni la prossima estate, descrive quel periodo come il periodo più difficile della sua vita. “Volevo che la band continuasse, soprattutto perché avevamo solo otto anni e facevamo ancora buona musica. Abbey Road, non è affatto male… Questo era il mio gruppo, il mio lavoro, la mia vita. Quindi volevo continuare”.

Fu quindi John Lennon a decidere di lasciare i Beatles. Se non lo avesse fatto, secondo McCartney, sarebbe sicuramente seguito un “bel viaggio musicale”. Ma Jun stava creando una nuova vita con Yoko. Jun ha sempre avuto il desiderio di staccarsi dalla società. È stata allevata da sua zia Mimi, che era molto opprimente, quindi voleva sempre scappare.

McCartney dice che la gente lo ha incolpato per tutti questi decenni. “Ho dovuto conviverci, perché è quello che la gente ha visto. Posso solo dire di no”.

intervista completa su BBC Radio 4 Andrà in onda il 23 ottobre.

READ  Chris De Bruyne con "Amsterdam" sopra De Lage Landenlijst per la prima volta