Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Ospedali che si preparano alla nuova stagione del Corona

Il nostro sistema sanitario sta iniziando a prepararsi per quello che potrebbe essere un caldo inverno. La prevalenza dei pazienti è critica a causa delle grandi differenze nella copertura vaccinale.

Gli ospedali belgi sono impegnati a elencare i dipendenti che possono essere impiegati nei letti di terapia intensiva con i pazienti Corona nel prossimo periodo. Lo fanno su richiesta dell’Hospital and Transportation Capacity Scale Committee (HTSC), un gruppo di esperti che aiuta l’assistenza sanitaria nella crisi del coronavirus.

Un messaggio agli ospedali

Il gruppo di esperti si prepara all’anno del Corona, come testimonia un nuovo comunicato dell’ospedale, il primo dal 22 giugno. “Stiamo ancora una volta assistendo a un aumento lento ma abbastanza costante del numero di ammissioni”, afferma la lettera.

La situazione mostra che, nonostante le vaccinazioni, il tipo infettivo delta è difficile da domare. Lunedì sono stati nuovamente ricoverati 643 pazienti affetti da coronavirus, rispetto ai 581 di venerdì. La notizia più positiva è che il numero di persone in terapia intensiva sembra aver raggiunto un plateau di circa 170 pazienti.

Ciò sembra indicare che i vaccini continuano a funzionare bene contro le forme più gravi della malattia. La battuta d’arresto è che i vaccini proteggono dalle infezioni e dalla trasmissione meno spesso del previsto. Ciò significa che il virus continua a diffondersi bene, con il rischio di infettare nuovamente i più deboli e di rimettere in ospedale molte persone.

Previsioni sui virus


Il tasso di occupazione in terapia intensiva potrebbe salire da 300 a 400 all’inizio di ottobre.

Gruppo di lavoro diagnostico – Neil Chicken

La situazione sta facendo voltare gli amministratori dell’ospedale. La maggior parte degli ospedali è ora in fase 0. Ciò significa che devono destinare il 15% della capacità di terapia intensiva ai pazienti Covid. Per le cure complete, quel numero scende a 300 posti letto Covid. Nelle loro comunicazioni, gli esperti hanno affermato che gli ospedali dovrebbero essere in grado di passare alla fase successiva entro 48 ore: mantenere il 25% della loro capacità intensiva disponibile per i pazienti COVID-19 (500 posti letto).

preoccupato per alcune direzioni

L’approccio esperto è anche associato a turbolenze attorno ad alcune tendenze. Sebbene la maggior parte degli ospedali sia lontana dalla fase di allerta, ci sono significative variazioni locali. A causa del basso tasso di vaccinazione e dei residenti che tornano dal congedo infetto, Bruxelles è l’epicentro di Corona. Con il 10 per cento della popolazione, il capitale rappresenta un terzo dei ricoverati e dei pazienti in terapia intensiva. Anche la città di Anversa e la provincia di Liegi stanno gradualmente comparendo nelle statistiche ospedaliere.

In alcuni ospedali di Bruxelles, i pazienti con corona hanno già utilizzato metà della capacità di terapia intensiva. Ecco perché gli esperti insistono sulla solidarietà tra ospedali.


Tutti hanno già le gengive, e ora gli ospedali fiamminghi e valloni minacciano di diventare vittime di un vaccino vacillante, soprattutto a Bruxelles.

Margot Clouet

Patrocinio Zorgnet-Icuro Organizzazione Ombrello

Anche gli ospedali di Bruxelles hanno dimostrato di essere affollati più velocemente nelle ultime settimane rispetto a quanto indicato dalla capacità di assistenza teorica. Ecco perché è sorta la domanda di mappare correttamente la forza lavoro effettiva. Si teme che a causa di ferie, dipendenti con gengive o cadute e cure che sono state posticipate durante i precedenti periodi di picco della corona da compensare, i letti corona saranno disponibili in pratica meno di quanto ipotizzato dal governo in teoria.