Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Metissen fa causa a uno stato belga per rapimento e aggressione | All’estero

Sessant’anni dopo, cinque donne che erano insieme come ostetriche al centro missionario di Katende in Congo hanno citato in giudizio lo stato belga per rapimento e aggressione. Sentono anche che la loro identità è stata strappata per motivi etnici. Pertanto, a causa del colore della loro pelle, scrivono i giornali dei Medeiwei.




“Non vogliamo condannare il colonialismo nella sua interezza”, afferma l’avvocato di Bruxelles Michel Hirsch. “Chiediamo l’ordine del governo belga di riparare il danno che ha fatto a queste donne”.

50.000€

Nessuno sa quanti bambini siano nati in epoca coloniale: i figli di madri congolesi e padri belgi. Le cinque donne che ora stanno portando un caso in Belgio non sono state sfrattate quando il Congo ha ottenuto l’indipendenza.

Gli avvocati hanno chiesto un risarcimento provvisorio di 50.000 euro per ciascuna delle cinque donne, e la nomina di un perito per determinare il reale danno morale. Il caso sarà portato giovedì davanti al tribunale civile di Bruxelles.

Assolutamente assoluto

In Congo, Ruanda e Burundi, non c’era posto sotto la tutela belga dei Métis o “figli mezzosangue”, e bianchi e neri dovevano vivere rigorosamente separati in quel periodo. Le madri africane di Métis hanno subito pressioni per rinunciare ai loro figli. Poi sono finiti come “figli del peccato” nelle istituzioni cattoliche.

Molti di loro sono stati mandati in Belgio per crescere in orfanotrofi, sanatori o con i loro genitori adottivi. In questo modo molti minori sono stati separati dalle loro famiglie.