Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Maastricht UMC+ conduce ricerche approfondite su “Long COVID”

“Indagine strutturale dei reclami e delle loro cause”

Secondo Maastricht UMC+, affinché i reclami persistenti siano riconosciuti e adeguatamente affrontati dopo l’infezione da COVID-19, è necessario identificare questi reclami e le loro cause in modo ordinato.

COVID lungo

È ormai chiaro che il ‘Long COVID’, la totalità dei reclami persistenti dopo aver contratto l’infezione da COVID-19, è un problema comune che ha un impatto significativo sulla qualità della vita delle persone che ne soffrono.

CORF Studio

Tuttavia, il meccanismo alla base dello sviluppo del COVID non è ancora sufficientemente chiaro per poter prevedere i reclami, effettuare diagnosi precoci ed essere in grado di trattarli in modo mirato. Ecco perché Maastricht UMC+ ha preso l’iniziativa di studio CORFU (Corona Follow-up Study), in cui sono stati raccolti insieme i dati di sette studi.

tesoro di dati

Ciò fornisce ai ricercatori una grande quantità di dati su oltre 10.000 persone che sono state esposte all’infezione, dalla forma lieve al ricovero in terapia intensiva. All’interno dello studio, i ricercatori del MUMC+ lavorano a stretto contatto con la Fondazione EuroQol, lo Zuyderland Medical Center e Adelante e con i ricercatori dei centri accademici di Utrecht, Nimega e Leida.

Un questionario

Oltre a pesare e integrare i dati dei sette studi, agli ex pazienti di questo studio viene somministrato un questionario su questioni quali lamentele, qualità della vita e partecipazione a momenti specifici dopo l’infortunio. Oltre agli aspetti medici, questo questionario può essere utilizzato anche per mappare fattori psicologici. Dopotutto, più a lungo viene ritardata la malattia, maggiore è l’influenza dei fattori psicologici sulla qualità della vita. Questo questionario è stato sviluppato in collaborazione con la Fondazione EuroQol, che svilupperà anche la piattaforma per i pazienti. Su questa piattaforma i pazienti possono consultare le proprie risposte in modo semplice – tramite un unico login – e seguire l’andamento dei reclami.

READ  Namibia e Paesi Bassi per rafforzare gli accordi bilaterali

Disintegrazione della malattia polmonare da Covid

Utilizzando questi dati, i ricercatori sperano di essere in grado di rilevare il COVID prolungato. “Sappiamo molto poco della malattia polmonare da Covid”, ha affermato il ricercatore capo ed epidemiologo clinico Sander van Kuijk. Non è facile analizzare i reclami. Ad esempio: ci sono persone che si sono ammalate gravemente senza che in seguito si lamentassero persistenti. Ma ci sono anche persone con lamentele gravi e persistenti, che hanno avuto ben poco dal COVID-19 stesso. Il capo progetto e cardiologo tirocinante Shahinda Ghossein-Doha: “Possiamo utilizzare i dati per analizzare i fattori che contribuiscono a disturbi persistenti, come cause cardiache, fattori della coagulazione o cause psicologiche”.

profetizzare

L’analisi dei dati aiuta anche a sviluppare un “modello di previsione”. Si tratta di un modello che può essere utilizzato, ad esempio, sulla base delle caratteristiche del paziente o del tipo di lamentele, per prevedere se e quali lamentele persistenti una persona avrà. Ciò aiuterà nella diagnosi precoce e nel monitoraggio e fornirà punti di partenza per il trattamento della malattia polmonare COVID-19.

soleMw

Lo studio CORFU è finanziato dal programma COVID-19 di ZonMw. ZonMw è sinonimo di buona salute, prevenzione e cura per tutti, e in particolare per i vulnerabili. Attraverso il Programma COVID-19, ZonMw contribuisce alla ricerca per combattere la pandemia di Corona e prevenire o ridurre gli effetti negativi delle misure. Con i suoi partner, ZonMw crea approfondimenti sulle dinamiche sociali (globali) durante e dopo queste crisi sanitarie di vasta portata e comparative e le misure adottate contro di esse. Maggiori informazioni possono essere trovate su www.zonmw.nl/coronaonderzoek.