Ottobre 20, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Italia lancia la gara per la rimozione delle navi storiche di Venezia – 29/06/2021

L’Autorità Portuale di Venezia ha indetto martedì (29) l’annuncio di un concorso internazionale di idee per la rimozione dal centro storico della città di grandi navi come le navi da crociera.

Il suo scopo è consolidare i piani per trasportare queste navi fuori dalle acque della regione della Lagova de Venezia, patrimonio dell’UNESCO, ma i rischi posti dalla compagnia nella lista del patrimonio in via di estinzione.

“Il piano che emerge dal bando deve essere davvero innovativo e sostenibile per le operazioni portuali del 21° secolo”, ha affermato Pulvio Lino de Blasio, capo dell’autorità preposta ai porti dell’Alto Adriatico.

“Per superare le soluzioni fin qui considerate, forniremo ai partecipanti tutta la documentazione di progetto per la realizzazione di un’opera portuale fuori lago”, ha aggiunto.

Questi progetti dovrebbero garantire la stabilità ambientale, energetica e territoriale del nuovo porto e interagire con i meccanismi di trasporto terrestre. La scadenza per la presentazione delle proposte è il 31 dicembre 2021, tre delle quali saranno selezionate da una commissione di cinque esperti in infrastrutture e gestione portuale.

Nella seconda fase, i candidati hanno tempo fino al 31 dicembre 2022 per completare i progetti di fattibilità tecnica ed economica. Il governo prevede che il piano vincente sarà annunciato il 30 giugno 2023.

La fattura sarà aperta a tutte le aziende che hanno progettato opere per un valore di almeno 10 milioni di euro l’anno negli ultimi tre anni e opere per un valore di almeno 500 milioni di euro nell’ultimo decennio.

Attualmente, le navi da crociera attraversano il Bacino di San Marco e il Canale Quedeca, snodo storico di Venezia, per raggiungere un terminal passeggeri vicino alla stazione ferroviaria principale della città – fotografie che mostrano la differenza tra i due. Debolezza di questi transatlantici e costruzioni.

READ  Il Portogallo è in trattative con Ungheria, Italia e Bulgaria per acquistare vaccini

Tuttavia, il governo italiano ha già approvato un decreto secondo cui, fino a quando non verrà attuato un accordo concreto, le grandi navi utilizzeranno la rotta marittima alternativa al porto commerciale di Margarita, sulla terraferma del comune. Tuttavia, il porto sta ancora abbracciando le crociere.

Di recente, l’UNESCO ha dichiarato che avrebbe elencato il centro storico di Venezia come un pericoloso sito del patrimonio, senza alcuna soluzione per impedire la navigazione di grandi navi nella zona.