Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Italia ha il suo Museo Alcatraz

La prigione tra Roma e Napoli, sulla costa italiana, è stata per secoli una prigione inaccessibile. È stato abbandonato dal 1965, ma presto cambierà.

Non solo al largo della costa della California, ma un’isola che è diventata una prigione dove la fuga è considerata impossibile. L’Italia ha un’isola che è stata usata per secoli per nascondere criminali, anarchici e nemici politici. Il carcere ha chiuso i battenti nel 1965, dopo di che l’isola di Santo Stefano e gli edifici dell’ex carcere sono stati abbandonati. Ma non per molto: il governo italiano ha stanziato 70 milioni di euro per ristrutturare l’isola al largo della costa tra Roma e Napoli e trasformarla in un museo multimediale a cielo aperto sulla storia del carcere e sulla vita dei detenuti. scrive la CNN.

., Getty Images
. Ty Getty Images

L’isola vulcanica di Santo Stefano si trova nel Mar Tirreno ed ha un diametro inferiore ai 400 metri. Sebbene all’epoca non si trattasse di imprigionamento, l’imperatore romano Augusto usò l’isola nel 2 aC per espellere sua figlia Julia, che aveva già commesso adulterio.

Fino al 1795 l’isola era effettivamente designata come una prigione dalla quale i prigionieri non potevano fuggire perché dovevano morire su rocce scoscese e ricoperte di vegetazione. Il carcere fu costruito per ordine del re Ferdinando IV di Napoli dalla Reggia Borbonica. Era considerata una prigione perfetta e fu costruita come una fenice secondo l’idea del filosofo britannico Jeremy Bentham (1748-1832).

., Getty Images
. Ty Getty Images

Banopticon è una prigione in cui una guardia carceraria può monitorare tutti i detenuti senza sapere se stanno guardando o meno. L’idea alla base di questo è che i detenuti sono sempre motivati ​​a comportarsi bene. Quel pensiero è stato rafforzato dalla costruzione di una chiesa al centro. Questa chiesa simboleggiava il potere spirituale dei prigionieri e doveva ricordare loro costantemente i loro crimini. La prigione aveva tre piani, 33 celle per piano, tutte senza finestre.

., Getty Images
. Ty Getty Images

Sfortunatamente, la formazione è diversa dalla teoria. Due anni dopo l’apertura, l’anno successivo scoppiò di nuovo una rivolta tra i prigionieri. Nel 1860 anche i prigionieri riuscirono a catturare il carcere ea scoprirvi la Repubblica di Santo Stefano. La Repubblica durò alcuni mesi prima che le forze italiane la ponessero fine.

READ  30 Migliori Zaino Con Carrello Testato e Qualificato
., Getty Images
. Ty Getty Images

La vita carceraria è piacevole ma frequente nell’uso di poco cibo, torture eccessive e punizioni corporali. Durante il periodo fascista (1922-1943) furono incarcerati soprattutto gli oppositori politici e i prigionieri morirono a causa delle torture.

Nel tempo, dal carcere passarono molti illustri fan: lo scrittore Luigi Setembrini, i briganti Carmine Croco e Santa Bollastri, l’anarchico Cadeno Presi e Sandro Bertini poi divenuto presidente d’Italia dal 1978 al 1985.

., Getty Images
. Ty Getty Images

Dopo la seconda guerra mondiale, la vita in prigione era molto migliore. Questo grazie al Direttore Progressista Eugenio Perusatti. Ha costruito un cinema, un campo da calcio e una panetteria e i prigionieri coltivavano frutta e verdura. C’erano anche negozi dove i prigionieri potevano acquistare merci con denaro speciale del carcere. A tutti furono dati lavori come falegname, muratore, cucina…. Inoltre, fu loro permesso di dipingere le loro celle in tonalità chiare in modo che fossero completamente più felici. La vita di questo regista e della sua famiglia è uno degli argomenti di cui si parlerà al Future Museum.

La prigione ha chiuso i battenti nel 1965, dopodiché gli edifici sono stati abbandonati e l’isola è abitata principalmente da tigri di mare. Occasionalmente vengono sull’isola turisti, pescatori o subacquei, ma a causa della mancanza di banchine di ormeggio, l’atterraggio non è così facile.

., Getty Images
. Ty Getty Images

Quindi parte dell’allineamento è creare un luogo in cui le barche possano guidare la barca. Inizia subito una mostra ‘seguente’ dalla natura, dove si attraversano i muri in vari luoghi dove sono stati alloggiati i prigionieri. Le stanze alternative nell’ex casa e campo di calcio del regista saranno trasformate in un albergo da trenta stanze. Il panificio si trasforma in un ristorante con terrazza che offre una vista panoramica dell’isola e del mare. In una giornata limpida è possibile vedere il Vesuvio e l’isola d’Ischia nel Golfo di Napoli dalla terrazza. Il giardino viene rianimato e piantato dai prigionieri.

., Getty Images
. Ty Getty Images

Santo Stefano diventerà il fulcro di incontri formativi su temi come la politica verde, i diritti umani, la libertà di espressione e la cittadinanza europea. In questo modo, l’isola colmerà il divario tra le storie raccapriccianti dei prigionieri del passato e il futuro pieno di speranze.

READ  David Beckham e i suoi figli vengono interrotti dalla polizia in vacanza in Italia - Diorio do Grande ABC
., Getty Images
. Ty Getty Images

Non solo al largo della costa della California, ma un’isola che è diventata una prigione dove la fuga è considerata impossibile. L’Italia ha un’isola che è stata usata per secoli per nascondere criminali, anarchici e nemici politici. Il carcere ha chiuso i battenti nel 1965, dopo di che l’isola di Santo Stefano e gli edifici dell’ex carcere sono stati abbandonati. Ma non per molto: il governo italiano ha stanziato 70 milioni di euro per ristrutturare l’isola al largo della costa tra Roma e Napoli e trasformarla in un museo multimediale a cielo aperto sulla storia del carcere e sulla vita dei detenuti. scrive la CNN. L’isola vulcanica di Santo Stefano si trova nel Mar Tirreno ed ha un diametro inferiore ai 400 metri. Sebbene all’epoca non si trattasse di imprigionamento, l’imperatore romano Augusto usò l’isola nel 2 aC per espellere sua figlia Julia, che aveva già commesso adulterio. Fino al 1795 l’isola era effettivamente designata come una prigione dalla quale i prigionieri non potevano fuggire perché dovevano morire su rocce scoscese e ricoperte di vegetazione. Il carcere fu costruito per ordine del re Ferdinando IV di Napoli dalla Reggia Borbonica. Era considerata una prigione perfetta e fu costruita come una fenice secondo l’idea del filosofo britannico Jeremy Bentham (1748-1832). Banopticon è una prigione in cui una guardia carceraria può monitorare tutti i detenuti senza sapere se stanno guardando o meno. L’idea alla base di questo è che i detenuti sono sempre motivati ​​a comportarsi bene. Quel pensiero è stato rafforzato dalla costruzione di una chiesa al centro. Questa chiesa simboleggiava il potere spirituale dei prigionieri e doveva ricordare loro costantemente i loro crimini. La prigione aveva tre piani, 33 celle per piano, tutte senza finestre. Sfortunatamente, la formazione è diversa dalla teoria. Due anni dopo l’apertura, l’anno successivo scoppiò di nuovo una rivolta tra i prigionieri. Nel 1860 anche i prigionieri riuscirono a catturare il carcere ea scoprirvi la Repubblica di Santo Stefano. La Repubblica durò alcuni mesi prima che le forze italiane la ponessero fine. La vita carceraria è piacevole ma frequente nell’uso di poco cibo, torture eccessive e punizioni corporali. Durante il periodo fascista (1922-1943) furono incarcerati principalmente gli oppositori politici e furono uccisi i prigionieri necessari a seguito della tortura. Nel tempo morirono noti fan del carcere: lo scrittore Luigi Cetembrini, I pirati Carmine Croco e Santa Bollastri, l’anarchico Cadeno Bresci e Sandro Bertini in seguito – dal 1978 al 1985 – divenne presidente della Repubblica. Dopo la seconda guerra mondiale, la vita in prigione era molto migliore. Questo grazie al Direttore Progressista Eugenio Perusatti. Ha costruito un cinema, un campo da calcio e una panetteria e i prigionieri coltivavano frutta e verdura. C’erano anche negozi dove i prigionieri potevano acquistare merci con denaro speciale del carcere. A tutti furono dati lavori come falegname, muratore, cucina…. Inoltre, fu loro permesso di dipingere le loro celle in tonalità chiare in modo che fossero completamente più felici. La vita di questo regista e della sua famiglia è uno degli argomenti da trattare al Museo del Futuro. Occasionalmente vengono sull’isola turisti, pescatori o subacquei, ma a causa della mancanza di banchine di attracco, arrivare a riva non è così facile. Quindi parte dell’allineamento è creare spazio per le barche per parcheggiare sui laghi. Inizia subito una mostra ‘seguente’ dalla natura, dove si attraversano i muri in vari luoghi dove sono stati alloggiati i prigionieri. Le stanze alternative nell’ex casa e campo di calcio del regista saranno trasformate in un albergo da trenta stanze. Il panificio si trasforma in un ristorante con terrazza che offre una vista panoramica dell’isola e del mare. In una giornata limpida è possibile vedere il Vesuvio e l’isola d’Ischia nel Golfo di Napoli dalla terrazza. Il giardino viene rianimato e piantato dai prigionieri. Santo Stefano diventerà il fulcro di incontri formativi su temi come la politica verde, i diritti umani, la libertà di espressione e la cittadinanza europea. In questo modo, l’isola colmerà il divario tra le storie raccapriccianti dei prigionieri del passato e il futuro pieno di speranze.

READ  Inghilterra e Italia si aggiudicano il miglior calcio nei quarti di finale di Euro - 29/06/2021