Luglio 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’Italia denuncia la scomparsa del medico dopo le accuse di bullismo – Notizie

ROMA, 17 lug (Ansa) – Le autorità italiane indagano da almeno quattro mesi sulla misteriosa scomparsa di un medico italiano che avrebbe preso di mira una serie di comportamenti aggressivi sul posto di lavoro.

Sarah Petrie è ginecologa del reparto di ginecologia e ostetricia dell’ospedale Santa Sierra di Trento, e dal 4 marzo la sua auto vuota è scomparsa tra due strade statali, in Val de Noon, nel nord del Paese. Ponte sul fiume Nose.

La polizia ha tenuto il portafoglio e il cellulare del medico all’interno dell’auto, sospettata di abusi e bullismo presso il centro medico dove lavorava Petrie.

I capi dipartimento, Saverio Tadio, sono al centro dell’indagine interna dell’ospedale perché i capi dipartimento sospettano agenti che non abbiano rispetto per il personale, medici e infermieri, e la situazione generale è di tensione e umiliazione e frequenti punizioni.

Il ministro della Sanità italiano Roberto Speranza ha avviato un’indagine sul caso all’ospedale Santa Sierra e l’avvocato Lycia Scogliarini ha avviato un procedimento per il processo.

Petrie, originario di Forley, si è laureato all’Università di Cunningham ed è stato ricoverato in un ospedale di Trento nel 2020. Tuttavia, i problemi nell’ambiente di lavoro sono iniziati presto.

Secondo la sorella del medico, Emanuela, ha vissuto una vita tesa e ha perso molto peso. Inoltre, si dice che Petrie abbia detto “è stato offeso e insultato verbalmente con parole dure”. “Comincia ad avere paura e dice che non riesce nemmeno a tenere il cuoio capelluto in mano”, dice.

Circa un mese e mezzo prima della sua scomparsa, l’ostetrica ha rilasciato un certificato di 15 giorni per “dimagrimento e stress sul lavoro”, ma una settimana dopo, temendo ritorsioni, è tornata in reparto, secondo tua sorella.

READ  Nel G7, l'Italia difende una ripresa economica equa e sostenibile - 11/06/2021

Il 3 marzo, Petrie si è dimesso e ha detto ai suoi colleghi di essere “sollevato da un grande fardello”. Tuttavia, il giorno dopo è scomparsa.

Le denunce pubbliche della sorella e della madre del ginecologo hanno portato l’ospedale ad avviare un’indagine interna, che ha portato al licenziamento del primario. Hanno testimoniato un totale di 110 operatori sanitari.

Nel rapporto si afferma che “nel reparto si sono sviluppati fatti oggettivi e una situazione importante che adotterà misure decisive per tutelare la tranquillità dei pazienti, di tutti gli operatori coinvolti e il buon funzionamento del reparto”.

Prima del caso che coinvolgeva Petrie, altri sei dipendenti del Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia e Ginecologia avevano già chiamato due avvocati per denunciare la “grave situazione di disturbo in cui erano costretti a lavorare”.

A conoscenza della situazione sarebbe stato anche il direttore generale della commissione sanitaria trentina, Pierre Polo Benetolo. Dopo che il caso è venuto alla luce, si è dimesso dopo essere stato accusato di non aver mai informato il dipartimento della salute o il consiglio regionale.

“Come molti altri, la sofferenza profonda era spesso basata su un atteggiamento repressivo dentro di me. Ci sono stati insulti e minacce. Ho sentito un’infermiera dire: ‘Ti farò fuori'”, è stato ascoltato uno dei testimoni durante l’interno indagine.

Il procuratore regionale ha anche raccolto dati dal telefono trovato in macchina, oltre a chiedere la testimonianza dei colleghi di Petrie per confermare che i giornali italiani avevano pubblicato la notizia. Secondo alcune pubblicazioni, Petrie è stato schiaffeggiato sulle mani mentre reggeva un bisturi e poi rimosso dalla sala operatoria.

L’ordine dei medici è stato convocato e spiegato e, entro la fine di luglio, valuterà le denunce per l’avvio di un’azione disciplinare contro alcuni esperti del centro medico.

READ  Questi bellissimi borghi in Italia ti costeranno 000 33.000 per andarci

Nel frattempo, la polizia italiana continua a cercare Petri, ma non è sicuro che gli investigatori lo troveranno vivo. Le missioni delle squadre sono concentrate nelle acque del Lago di Santa Gustina, dove scorre il fiume Nose. (ANSA)

Vedi più notizie, foto e video www.ansabrasil.com.br.