Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

L’informatore di Facebook che ha scoperto l’indagine su Instagram si rivela – IT Pro – Notizie

Questo messaggio non è sorprendente, ne parliamo spesso a casa, ma è ovviamente molto inquietante, e questo ha conseguenze di vasta portata sul modo in cui opera la nostra società. La parte relativa all’influenzare la politica mi sembra particolarmente importante e mi sento in dovere di aggiungere qualcosa alla discussione.

Sì, fare “scelte popolari” fa parte della democrazia e non è una novità. Tuttavia, con il supporto dei social media, sta iniziando a prendere forme malsane. C’è una differenza tra un consiglio con una visione popolare e un consiglio che fa scelte comuni su tutta la linea. Quest’ultimo porta a politiche vacillanti, rendendo impossibile pensare al futuro e piani a lungo termine. Questo tipo di politica è anche molto dannoso per la fiducia nella politica perché non c’è una linea da tracciare e non mostrano alcuna spina dorsale.

Ma è fin troppo facile incolpare solo la politica e l’influenza dei social media e le scelte che fanno consapevolmente per questo. Perché immagina “un politico con la spina dorsale”, non viene eletto perché tu ed io “votiamo peggio”. Con questo intendo votare in base alle emozioni della giornata, amplificate in modo sproporzionato sui social. Perché è così che fanno i loro soldi.

Quindi il problema è con noi (perché ci caschiamo ogni volta), con i politici (che non hanno la spina dorsale, ma se lo avessero, non li voteremmo comunque) tutto per il profitto dell’azienda. Se un’azienda nei Paesi Bassi non si prende cura del proprio ambiente (inquinamento ambientale, disagi, cattive condizioni di lavoro), faremo qualcosa al riguardo attraverso la legislazione. In realtà dovresti vederlo allo stesso modo, questo è il danno che ci ha fatto FB e simili perché possono fare più soldi. È molto difficile fare qualcosa al riguardo. Avete proposte che possano contrastare questo tipo di inquinamento senza limitare troppo la libertà di espressione e formulare giudizi equi? Ho già immaginato di rendere pubblico FB/Google/etc. Algoritmi di “page rank” e “raccomandazioni” e loro legislazione. Ma non ho ancora trovato una buona soluzione.

READ  Il ministro Depinelli (N-VA) consulta le banche sulla compliance...