Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Le celebrità provocano proteste contro il passaporto del vaccino in Francia e in Italia – internazionale

Il vaccino Govt-19 ha attirato il sostegno popolare di destra nei paesi europei in opposizione a misure drastiche per vaccinare i sospetti. La pressione è più evidente in Italia e Francia, dove si sta adottando il cosiddetto passaporto del vaccino e i partiti di estrema destra stanno difendendo le lotte contro l’adozione della PAS.

In Italia, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha criticato il passaporto, nonostante abbia sostenuto il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi. In un atto contro Bass, ha accusato Drake di aver escluso 30 milioni di italiani dalla vita sociale. Georgia Meloni, del partito dei fratelli estremisti italiani, ha affermato che il piano distruggerà il turismo.

In Francia, durante il fine settimana, il Paese affronta le proteste indette da gruppi contro i vaccini. Sabato scorso, circa 205.000 persone hanno preso parte alle proteste a Parigi e in altre città francesi. Nella capitale, Florian Filippad ha guidato una delle marce, un ex alleato della leader di estrema destra Marine Le Pen, ora leader del suo stesso partito di opposizione all’UE. Scontri scoppiati tra polizia e manifestanti.

Gli esperti che osservano il fenomeno populista in Europa affermano che questi partiti, con l’aiuto di temi vaghi come lo scetticismo sui vaccini per migliorare la loro ideologia dell’epidemia Govt-19, sono inutili nell’accettare i farmaci e, ora, l’opposizione al monitoraggio dello stato del vaccino di persone con passaporto.

«Questi partiti riescono a dare unità e senso ai margini della società coniugando un tema apertamente controverso e ambiguo», spiega Ana Simo, coordinatrice del corso di relazioni internazionali presso ESPM Porto Alegre. “Il movimento contro i vaccini, oltre al problema dei vaccini, è un movimento contro la situazione attuale e contro il mainstream”.

READ  Manu Ferrero teme la sconfitta spagnola contro l'Italia: "Il Belgio potrebbe essere già fuori dall'ottava finale"

Sospetto

Sebbene la vaccinazione sia prevalente in Europa e Nord America, la maggior parte dei paesi ricchi incontra difficoltà nel prevenire il 75% della popolazione su due livelli: gli esperti prevedono che sia meglio controllare l’epidemia.

In Italia il 52% della popolazione ha un programma vaccinale completo e il 64% con una singola dose. In Francia, il 47% delle persone ha assunto due dosi e il 62% ha assunto un farmaco.

Con l’aumento dei contagi e dei ricoveri dovuti al Govt-19, soprattutto tra coloro che non sono ancora stati vaccinati, entrambi i Paesi hanno optato per i passaporti per controllare la circolazione di chi è ancora contagiato dal virus, soprattutto nelle aree chiuse dove il rischio di infezione è alto.

In Francia, dal 21 luglio, solo chi è stato vaccinato potrà entrare nei luoghi culturali e di svago. La prossima settimana la mossa riguarderà bar, ristoranti, aerei e treni.

Le dimensioni del passaporto sono un po’ più leggere in Italia. Lì, teatri, musei, palestre, ristoranti senza tavoli all’aperto o folla devono solo dimostrare una singola dose del vaccino o un test negativo del Govt-19 nelle ultime 48 ore per entrare negli eventi.

Questa regola ha fatto arrabbiare i sospetti riguardo al vaccino, che considerano una violazione del loro diritto di entrare e uscire attraverso lo schema del passaporto. Alcuni manifestanti in Italia e Francia hanno protestato con i David Stars, citando il trattamento nazista degli ebrei nel ghetto durante la seconda guerra mondiale.

“Viviamo in un’epoca di grande ignoranza e violenza, e questo tipo di distorsione non può più essere represso”, ha lamentato la senatrice italiana Liliana Zacre, sfuggita all’Olocausto. “Questi gesti di cattivo gusto sono pazzi uniti all’ignoranza.”

READ  Cordiale per rispondere alle domande olimpiche - Web Valley

Nonostante le proteste, l’interesse per la vaccinazione è aumentato in Italia e Francia.

In Danimarca, pioniera nell’adozione di tali misure, i commercianti affermano che la resistenza durerà solo fino a quando la maggior parte della popolazione non riprenderà la vita normale. Attualmente, l’80% dei danesi è vaccinato. Informazioni dal giornale Stato di San Paolo.