Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

La ricerca VUB mostra: le donne nei film ancora soffrono di disuguaglianza di genere | film

filmLa scienziata delle comunicazioni di VUB Ynske De Neve, insieme al professor Kevin Smits, ha messo le sue spalle in uno studio sull’uguaglianza di genere nel settore cinematografico. Che cosa sembra? Le donne che lavorano nell’industria cinematografica fiamminga testimoniano di soffrire ancora di disuguaglianza. Secondo i ricercatori, sono necessari più modelli e regole per porre fine a tutto questo.




Nella sua tesi di master, de Neve ha intervistato dieci donne del mondo del cinema fiammingo, dai produttori ai registi e fotografi. Ha anche parlato con tre organizzazioni che lavorano per l’uguaglianza di genere (The Representative, WIFTM e WANDA Collective) e ha analizzato diversi documenti politici. Da quelle conversazioni è emerso uno schema coerente: la presenza delle donne rimane stereotipata, anche se va oltre.

“Le donne sono rappresentate, ad esempio, come stiliste di moda, ma non hanno mai completato come sceneggiatrici o registe”, afferma il professor Smets di VUB. “Tutto ciò che evidenziano ha a che fare con le cose sottili che sentono, come giudicare il lavoro più in base a criteri come l’aspetto e ottenere feedback sul lavoro e sulle relazioni personali. Queste sono le cose che puoi vedere meno chiaramente in termini di numeri”.

soluzione

Un risultato sorprendente è la terminologia infantile che le donne incontrano. Sono ancora spesso chiamati “ragazza”, “dingske” o “mickey” e sono quindi respinti come inferiori. Durante la ricerca, gli intervistati hanno suggerito due soluzioni concrete. D’altra parte, sono necessari modelli di ruolo femminili, ad esempio nei curricula e tra gli insegnanti nelle scuole di cinema o l’apparizione di registe nei media. Dall’altro c’è un richiamo alla regolamentazione. Concretamente, le donne suggeriscono che l’introduzione delle quote è probabilmente l’unico modo per penetrare nelle vecchie strutture di potere”, afferma de Neve.

READ  Un biglietto per il Met Gala costa 30mila euro, ma è patetico...

Leggi anche:

‘La Civil’ apre il Film Fest Gent: ‘Uno dei film belgi più emozionanti mai realizzati’

Ryan Reynolds conferma il sequel di Free Guy

Che trasformazione: la prima foto di Matteo Simone nei panni di Dennis Blackmagic