Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

La nuova variante del Covid dal Sudafrica ha mutazioni inquietanti


così chiamato C 1.2.Il tipo di coronavirus è stato identificato per la prima volta a maggio nelle province sudafricane di Mpumalanga e Gauteng. Qui si trovano Johannesburg e la capitale Pretoria. Da allora, il virus è stato trovato in altri sette paesi dell’Africa e dell’Oceania, Asia in Europa.

Le mutazioni sul virus sono associate ad una maggiore trasmissibilità. Saranno anche più in grado di eludere gli anticorpi. Questo è ciò che gli scienziati hanno menzionato nello studio. “È importante sottolinearlo alla luce dell’attuale situazione delle mutazioni”.

Le mutazioni hanno portato a successive ondate di coronavirus. È successo con variabile deltaÈ stato trovato per la prima volta in India. Delta sta attualmente lavorando per aumentare i tassi di infezione in tutto il mondo. Le mutazioni vengono prima classificate come “varianti di interesse” dall’Organizzazione mondiale della sanità. Una volta accertate che sono più gravi o trasmissibili, vengono definite “varianti preoccupanti”.

C 1.2. Si è evoluto dal virus C.1. Questo è uno dei ceppi del coronavirus che era la variante più comune durante la prima ondata in Sud Africa, a metà del 2020.

La percezione non è uguale all’originale

La ricerca è stata pubblicata dai Centri di ricerca sudafricani. Nello studio sono stati coinvolti, tra gli altri, la piattaforma per l’innovazione e il sequenziamento della ricerca KwaZulu-Natal, nota come Krisp, e l’Istituto nazionale delle malattie infettive.

Gli scienziati sudafricani hanno anche scoperto una variante beta nel 2020. Tuttavia, quando hanno identificato le nuove varianti per la prima volta in Sudafrica, gli scienziati hanno confermato che Non che abbiano le loro origini anche lì. (MA)

READ  Focolaio di influenza aviaria in un commerciante di uccelli a Minin