Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

La nostra “Nuvola di Oort” potrebbe contenere più visitatori interstellari degli esseri originali

Le comete interstellari come 2I/Borisov potrebbero non essere così rare come pensiamo.

Nel 2019 è successo qualcosa di incredibile nel nostro cortile cosmico. Gli astronomi hanno scoperto che Una cometa interstellare ha invaso il nostro sistema solare. La sfera di ghiaccio – chiamata 2I/Borisov – si precipitò a una velocità incredibile di 177.000 miglia all’ora. È stata la prima e finora unica cometa di un’altra galassia che abbiamo visto. Ma cosa succede se questi visitatori interstellari ci visitano più spesso di quanto pensiamo?

nuvoloso
In un nuovo studio, i ricercatori hanno avanzato un’ipotesi audace. Presentano nuovi calcoli che mostrano che la nuvola di Oort – una nuvola ipotizzata di diversi miliardi di oggetti simili a comete che circondano il Sistema Solare – ospita più visitatori interstellari rispetto agli oggetti originali del nostro Sistema Solare. Il ricercatore Amir Siraj afferma che i calcoli, effettuati sulla base delle conclusioni su 2I/Borisov, contengono una grande incertezza. “Ma anche dopo aver pensato a queste cose, i visitatori interstellari hanno la precedenza sulle cose originali”.

Maggiori informazioni sul cloud di Oort
L’esistenza della nube di Oort è stata proposta dall’astronomo olandese Jan Hendrik Oort nell’anno 1950. Questa nube spiega le comete costantemente nuove con lunghe orbite nel nostro sistema solare. La turbolenza delle comete in questa nube – ad esempio, dalle stelle che passano attraverso il nostro sistema solare – può far sì che alcune di esse si isolino dalla nube di Oort e atterrano in un’orbita ellittica attorno al sole, passando attraverso l’interno del nostro sistema solare.

È una teoria meravigliosa. Perché finora si è ipotizzato l’esatto contrario. “Prima della scoperta della prima cometa interstellare, non avevamo idea di quanti oggetti interstellari ci fossero nel nostro sistema solare”, afferma Siraj. Ma la teoria sulla formazione dei sistemi planetari suggerisce che dovrebbero esserci meno visitatori rispetto ai residenti permanenti. Ora notiamo che potrebbero esserci molti più visitatori”.

READ  Oddworld: Soulstorm in arrivo su Xbox One e Xbox Series X

Esempio
Come sono arrivati ​​a questa idea i ricercatori? “Supponiamo che io abbia passato un giorno a guardare un binario ferroviario lungo un miglio e ho visto un’auto attraversare la strada”, spiega Siraj. Posso quindi dire che il numero di auto che hanno attraversato la ferrovia quel giorno è di un’auto al giorno per chilometro. Ma se avessi motivo di credere che questa visione non fosse un evento occasionale – diciamo a causa delle barriere poste in essere – allora posso fare un passo avanti e trarre conclusioni definitive sul numero di auto che attraversano il percorso in questione. “

Una domanda
La domanda urgente allora è; Se ci sono così tante comete interstellari, perché finora ne abbiamo vista solo una? “Non abbiamo ancora la tecnologia per rilevarlo”, afferma Siraj. “Ricorda che la nuvola di Oort si estende su un’area da circa 300 miliardi a 160 trilioni di km dal Sole. A differenza delle stelle, gli oggetti nella nuvola di Oort non producono la propria luce. Questi due fattori producono detriti nelle zone più esterne del nostro sistema solare estremamente difficile da osservare.”

pianeti
Questa teoria potrebbe avere implicazioni sul modo in cui vediamo gli asteroidi. “Guardando i dati per gli asteroidi, potremmo chiederci se alcuni di loro esistono tra le stelle ma non sono ancora identificati come tali”, ha detto l’astrofisico Matthew Holman, che non è stato coinvolto nello studio. Holman spiega che dopo che un asteroide è stato scoperto, non viene osservato o studiato ogni anno. “Pensiamo che siano asteroidi, ma poi ne perdiamo le tracce senza esaminarli da vicino”, dice.

READ  Intel presenta il laptop modulare NUC P14E con display 3:2 e batteria da 77 Wh - Computer - Notizie

Osservatorio Vera Sea Rubin
Le osservazioni con una tecnologia migliorata in futuro potrebbero aiutare a confermare i risultati del team di ricerca. Attendono con impazienza il lancio dell’Osservatorio Vera C. Rubin, che si alzerà nel cielo nel 2022. Questo telescopio, tra le altre cose, esaminerà le regioni esterne del nostro sistema solare, alla ricerca di cose interessanti. Si prevede che Robin scoprirà circa dieci volte il numero di asteroidi attualmente conosciuti. “Speriamo di rivelare più visitatori interstellari come 2I/Borisov”, ha detto Siraj.

Se c’è davvero un’abbondanza di oggetti interstellari nella nube di Oort, questo significa anche che ci sono più detriti rimasti dalla formazione dei sistemi planetari di quanto si pensasse in precedenza. “Insieme agli studi osservazionali sui dischi protoplanetari e agli approcci computazionali alla formazione dei pianeti, lo studio degli oggetti interstellari può aiutarci a svelare i segreti di come si sono formati i nostri sistemi planetari e altri”, conclude Siraj.