Ottobre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Inizia la seconda guerra fredda e Joe Biden offre al mondo una scelta

Era una visita di cortesia tedesca: attraccare con la fregata Bayern nella città portuale cinese di Shanghai per una missione di sei mesi. Una tale pausa invia un segnale amichevole: anche se Berlino, come altri paesi occidentali, sta rafforzando la sua presenza nell’Indo-Pacifico, ma non con la Cina come nemico in mente.

La visita era preparata da mesi, ma venerdì scorso il Bayern è diventato improvvisamente sgradito. Secondo Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, Berlino dovrebbe prima creare “l’atmosfera appropriata”, piuttosto che “provocare incidenti” nel Mar Cinese Meridionale. Ora la Cina è il paese che rivendica quasi tutto il mare sui paesi vicini, pompando rocce e coralli nelle installazioni militari. La Germania voleva solo navigare con calma.

Il fatto che il nuovo patto di difesa degli Stati Uniti Aukus con Australia e Regno Unito avesse rivelato il giorno prima ha sicuramente avuto un ruolo nel rifiuto cinese. Byrne è ora pronto ad attraccare nella città portuale australiana di Darwin, che è anche una base militare statunitense. E così la Germania sta inviando a Pechino un segnale completamente diverso.

guerra fredda

Questo programma di navigazione è un esercizio con le dita sulle scelte radicali nella nuova Guerra Fredda, dove rimanere neutrali sta diventando sempre più difficile. Chi non è con noi si oppone automaticamente, anche se i leader americani e cinesi non lo dicono ad alta voce.

E mentre l’Unione europea si attiene a una strategia in cui la Cina non è né un amico né un nemico, l’Australia ha optato per sottomarini statunitensi, missili a lungo raggio statunitensi e altre armi puntate su Pechino. Per legittima difesa, e dopo una lunga esitazione: l’economia è talmente dipendente dalla Cina che Canberra è tenuta in ostaggio dalla paura di scontri con Pechino. Sconvolti, i senatori degli Stati Uniti si sono chiesti nel 2019 come avrebbe potuto farlo il loro alleato Fuori uso “Abbiamo perso.”

immagine VK gratuita

VK. immagine

L’Australia una volta ha richiesto un’indagine indipendente sull’origine del coronavirus ed è stata immediatamente punita con un boicottaggio commerciale cinese. La Corea del Sud ha dovuto sopportare anni di rabbia cinese per l’installazione di uno scudo missilistico statunitense. Ecco perché la Malesia prima le impedisce di chiedere a Pechino di discutere la questione Aukus prima che Kuala Lumpur abbandoni la sua posizione. L’Indonesia, stretta tra Australia e Cina, si sente minacciata da una potenziale corsa agli armamenti nella regione.

Per secoli, i paesi asiatici hanno convissuto con la Cina infettando il paese o rimanendo in silenzio mentre facevano le proprie cose. Ora, con Aukus, si profilano i contorni dello scenario di guerra del campionato USA-Cina. Giocatori più piccoli come Vietnam, Thailandia e Singapore stanno pensando in silenzio: questo club è un paese bianco di lingua inglese, che non ha nulla a che fare con la solita cautela in questa regione, qualcosa su cui puoi contare?

“Biden non lavora con le grandi alleanze tradizionali, ma ci prova con piccoli gruppi: legami allentati con gruppi di persone che la pensano allo stesso modo. Oko è il primo tentativo di ‘micro-orientamento’ e che scuote il mondo”.

India

Oltre ad Aukus, ci sono altre due alleanze americane contro la Cina. Five Eyes è una società occidentale, in cui i servizi di intelligence del Canada e della Nuova Zelanda lavorano con la trilogia di Aukus. Nel Quartetto si discute solo dei paesi asiatici, dove saranno presenti oltre ad Australia, Giappone e India. Venerdì è all’ordine del giorno l’approfondimento della cooperazione militare. Questa è musica per le orecchie dell’India, che sta sfruttando la tecnologia militare statunitense.

L’India è stata circondata dall’attività militare cinese: una base militare a Gibuti e l’espansione economica attraverso porti strategicamente posizionati in Pakistan, Sri Lanka, Myanmar e Cambogia. L’India ne ha assistito malinconicamente, fino a quando l’anno scorso è scoppiata una vecchia disputa di confine con la Cina. Questa lotta mortale ha danneggiato così gravemente le relazioni con Pechino che Nuova Delhi è ora desiderosa di unirsi alle iniziative americane contro l’avanzata della Cina.

Per la Cina Aukus è un incubo, costringendo Pechino a ripensare a una strategia che funziona da anni. La Cina ha coperto altri paesi di egemonia militare ed economica, o li ha circondati di egemonia militare ed economica, ma ora questa stessa sfera accuratamente costruita è circondata da un’ampia cerchia di Stati Uniti e dei suoi agenti. Questo incoraggia i paesi vicini che vogliono essere più assertivi nei confronti della Cina, ma non osano farlo da soli. Ad esempio, l’avversario della Cina, il Giappone, ha recentemente condotto la sua più grande esercitazione navale dal 1993 e parla sempre più di una migliore protezione per la vicina Taiwan, che Pechino vuole portare con la forza sotto il dominio cinese, se necessario.

Il primo ministro australiano Scott Morrison con Boris Johnson (a sinistra) e Joe Biden sugli schermi dietro di lui, annunciando il nuovo accordo di Oaks.  Foto dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente

Il primo ministro australiano Scott Morrison con Boris Johnson (a sinistra) e Joe Biden sugli schermi dietro di lui, annunciando il nuovo accordo di Oaks.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

Punto di accesso

Taiwan è l’hotspot più pericoloso in una regione già lacerata dalle controversie sui confini. I disaccordi vanno avanti da decenni, ma Pechino li ha messi al limite uno per uno. Forse Aukus fa capire alla Cina che ha esagerato.

Theresa Fallon si aspetta che Pechino aspetti e veda, sperando che le coalizioni di opportunità americane crollino da sole. “La strategia che ha sempre funzionato con la Cina è convincere gli altri che Pechino non ha alcuna strategia, vuole solo commerciare”.

Pertanto, in questa rivalità geopolitica è previsto un attacco magico cinese ai paesi al crocevia di loro scelta. Intanto il presidente cinese Xi Jinping farà i conti: chi può portarlo a rafforzare un’alleanza militare contro gli Stati Uniti?

READ  I canadesi vanno alle urne due anni prima del previsto | all'estero