Ottobre 18, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il raid della polizia nella prigione ecuadoriana fa 116 morti

Giovedì 400 agenti di polizia hanno fatto irruzione nella prigione della città portuale ecuadoriana di Guayaquil. Più di cento persone sono state uccise nei disordini e alcuni sono stati decapitati.

La rivolta carceraria è scoppiata martedì tra varie bande criminali e si dice che sia durata sei ore. Poi la polizia ha inviato gli agenti che sono riusciti a rilasciare sei cuochi. Due agenti sono rimasti feriti. Mercoledì, la polizia ha detto che la situazione è tornata sotto controllo, ma gli spari e le esplosioni sono risuonate di nuovo giovedì mattina.

“Più di 100 detenuti sono stati uccisi e altri 52 feriti”, ha scritto il Prison Service su Twitter. Il presidente Guillermo Laso ha parlato dei 116 morti in una conferenza stampa. La polizia ha detto che almeno sei persone sono state decapitate, mentre altre sono state colpite o ferite da bombe a mano.

Giovedì, la polizia ha deciso di riportare in prigione altri agenti. Su Twitter sono state pubblicate le immagini di 400 uomini che si preparano per un raid.

Il fatto che solo due ufficiali siano rimasti feriti e più di cento detenuti siano stati uccisi indica un compromesso tra i detenuti, non una rivolta. Secondo i media locali, dietro il brutale omicidio ci sarebbero le bande messicane che operano in Ecuador.

Negli ultimi mesi sono stati frequenti gli scontri violenti nelle carceri ecuadoriane. A settembre, presunti membri della banda hanno attaccato la prigione di Guayaquil con droni armati. A luglio, 21 persone sono state uccise in disordini nelle carceri di Guayaquil e Cotopaxi. A febbraio, 79 persone sono state uccise in scontri tra bande in diverse carceri.

READ  Il generale americano senior prevede la guerra civile in Afghanistan: "I gruppi terroristici possono trarne vantaggio" | All'estero